Benessere

Un udito nuovo di zecca come nei bambini

un udito nuovo di zecca come nei bambini

Una nuova tecnica sperimentale riporta all’infanzia

Stanno cercando una soluzione innovativa per tutti i problemi d’udito. Una soluzione che non prevede il ricorso a protesi ma ad un viaggio nel passato. Per un udito nuovo di zecca come nei bambini. La ricerca è nella fase di applicazione in laboratorio e pare dare buon esito

banner dal Marcante 1758

E’ l’orecchio dell’infanzia

Lo studio prende spunto dallo sviluppo dell’apparato che regola l’udito. Alla nascita il cervello non è completamente sviluppato e occorrerà un percorso di parecchi mesi prima di arrivare al completamento. Ricreare la situazione in quel breve periodo di formazione è l’obiettivo attuale. Portare l’orecchio a quello stato primitivo consentirebbe di rieducarlo correggendo tutte le problematiche legate a traumi ed invecchiamento. M anche di andare oltre e aumentare le sue prerogative.

Crucolo

Intervenire sul cervello

Dalle prove di laboratorio si è notato che è possibile riportare il cervello delle cavie a quello stato primigenio ed insegnare loro a riconoscere nuovi suoni. L’udito avrebbe una sorta di nuova verginità, utile per coloro che soffrono di problemi neuronali. Il progetto va oltre non si limita a trovare soluzioni per chi è affetto da sordità o malattie. La regressione cerebrale permetterebbe di imparare rapidamente nuove lingue compresi quei suoni che non appartengono alla cultura originale. Inoltre  permetterebbe di amplificare le capacità di studiare musica ed imparare ad utilizzare uno strumento.

un udito nuovo di zecca come nei bambini

Finestra  in cui imparare

E’ una finestra breve che nel cervello umano corrisponde al periodo in cui si acquisisce e forma il linguaggio. Il tutto avviene in una piccola porzione di corteccia cerebrale che diviene sensibile alle sonorità e comunica col talamo. Esaurito quel periodo in cui si effettua una specie di fine-tuning, le comunicazioni tra corteccia e talamo s’interrompono. Lo studio in atto vuole ricreare quello speciale momento di passaggio di messaggi tra le due parti. Il processo è controllato da una molecola chiamata adenosina. Al termine del periodo di collegamento l’adenosina aumenta e interrompe il passaggio d’informazioni tra corteccia e talamo.

Bloccare l’adenosina

Individuata l’adenosina come il cancello fisico che impedisce le comunicazioni si cerca ora di renderla inattiva anche nel cervello degli adulti. Ci sono neurobiologi che si non spinti a dichiarare che se seguissero un corso di lingue straniere senza adenosina i risultati sarebbero brillanti. Potremmo imparare una nuova lingua facilmente, in breve tempo e probabilmente perderemmo anche il naturale accento.

Tinnitus stoppato

Anche il fastidioso e comune tinnitus (acufene o fischio all’orecchio) potrebbe essere eliminato, reimpostando la gamma sonora che esclude proprio la frequenza dello “scampanellio”. Sarebbe un sollievo per miliardi di persone. Il tinnitus è un fastidio che colpisce la popolazione mondiale adulta e senile. Non è presente in soggetti giovani se non dopo traumi che coinvolgano la corteccia cerebrale.

un udito nuovo di zecca come nei bambini

Summary
Un udito nuovo di zecca, come nei bambini
Article Name
Un udito nuovo di zecca, come nei bambini
Description
Un udito nuovo di zecca, come nei bambini, una fase del cervello consente di imparare i suoni e musica.Riportarlo a quello stato aiuta a imparare le lingue
Author
Publisher Name
Oficina
Publisher Logo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *
Il commento sarà pubblicato solo dopo l'approvazione da parte del nostro staff.