Abitare, Enogastronomia

Un mattone di birra per favore

un mattone di birra per favore
credit:Flickr

Non tutti i prodotti sostenibili hanno successo

Sostenibile ed etico sono sicuramente tra le parole più utilizzate tra chi ha a cuore il futuro del nostro pianeta. Sono tante le aziende che cercano di dare una svolta al loro modo di produrre. Alcune azioni sono fortunate altre meno. Alcune sono dei veri e propri flop. Per questo se vi ordinano “un mattone di birra per favore“, avete diritto ad alzare almeno un sopracciglio

Crucolo

Bottiglie come materiale da costruzione

Alfred “Freddy” Heineken era uno degli uomini più ricchi del mondo, ma questo non l’ha reso insensibile ai problemi ecologici. In un viaggio svolto negli anni ’60 fu sorpreso dalla quantità di bottiglie vuote di birra che erano abbandonate sulla spiaggia di Curacao. Siccome l’edilizia locale era veramente misera e non c’era un sistema di reso dei vuoti, immaginò di realizzare una bottiglia dal doppio uso. Una bottiglia di birra dalla forma di un mattone riutilizzabile per costruire case. Immaginò gente felice con buoni muri e un tetto sulle teste.

Agraria Riva del Garda

WOBO la bottiglia rettangolare

Il progetto prese il nome di World Bottle ovvero WOBO. Ora si trattava di disegnare una bottiglia che potesse essere riutilizzata, doveva essere rettangolare, impilabile e facile da riconvertire. Il problema era la presa del consumatore che soprattutto nei paesi caraibici non utilizzava bicchieri ma beveva direttamente dalla bottiglia. Aggiungere alcune zigrinature laterali avrebbe facilitato la presa delle mani ed anche quella del cemento quando fosse stata riusata. Ci furono molte variazioni del prototipo iniziale, ma tutte per motivi diversi vennero rifiutati. In alcuni casi era un problema di costruzione, in altri un problema di logistica legato alla difficoltà di impilarle, altre di imbottigliamento.

un mattone di birra per favore
credit:Archinect

Il progetto prosegue

Il progetto prosegue il suo percorso con vari tentativi di ottenere una bottiglia/mattone in grado di contenere birra, facile da usare per berla e riusarla. Un design complesso che ha bisogno di un collo che esca fuori dal mattone di vetro. Problema che venne risolto con una rientranza nel fondo, un incastro in cui infilare il collo per ottenere pareti più solide. Nel 1963 vennero fabbricate 50.000 bottiglie WOBO. Ma il progetto venne bocciato per il semplice motivo che ai consumatori non piaceva tenere in mano qualcosa che non fosse cilindrico.

Un boom in Argentina

Heineken abbandonò il progetto che venne però ripreso da un’altra azienda EM1UM che migliorò un poco il design. Fu un enorme successo in Argentina dove vinse anche premi per il design. Non si limitò alla sola forma di parallelelipedo ma aggiunse anche forme di prisma cilindro e cubo. Proprio ispirandosi al cubo un’azienda francese nel 2008, Petit Romain, disegnò un concept facile da impilare, impacchettare e consegnare. Un mattone di birra per favore.

Edilizia in vetro

I progetti di costruire con le bottiglie di birra non è mai morto completamente anche se per ora i successi sono limitati. Alcune esperienze sono portate avanti in Africa ed anche in California dove auto-costruttori hanno ripreso l’idea per una intera comunità. L’esempio più celebre resta il tempio buddista Wat Pa Maha Chedi Kaew temple, realizzato con milioni di bottiglie di birra.

un mattone di birra per favore
credit:petitRomain


Summary
Un mattone di birra per favore
Article Name
Un mattone di birra per favore
Description
Un mattone di birra per favore, non tutti i progetti sostenibili hanno successo come questa bottiglia mattone di birra di Heineken
Author
Publisher Name
Oficina
Publisher Logo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *
Il commento sarà pubblicato solo dopo l'approvazione da parte del nostro staff.