Eventi

Tutti influencer o vogliono davvero un lavoro?

lavoro giovani influencer

E’ la domanda che si pongono molti datori di lavoro

Vanno deserti i colloqui per assumere nuovo personale. I giovani 20-30 inviano i curricula ma quando vengono convocati per il primo colloquio di lavoro non si presentano. Abbagliati dal sogno del denaro facile e dal sogno di diventare influencer. Sono più attratti da Instagram o youtube che dalle reali possibilità di ottenere un lavoro stabile su cui creare le basi per il loro futuro. Tutti influencer o vogliono davvero un lavoro?

Pappami - il piatto che si mangia

Un’azienda toscana non riesce a trovare lavoratori

Sono 300 i posti di lavoro che un’azienda toscana offre, tutti a tempo indeterminato, con contratti che partono da un minimo netto di 1100 euro mensili ed a salire. A fronte di oltre 300 curricula inviati solo 36 giovani si sono presentati al primo colloquio di lavoro. I requisiti richiesti non erano troppo specialistici ma ha molto pesato che fosse richiesta anche una disponibilità alla turnazione. La disponibilità a lavorare anche i sabati e le domeniche ha fatto fuggire a gambe levate i richiedenti. Il contratto prevede 38 ore di lavoro con gli inquadramenti del contratto nazionale di lavoro.

banner dal Marcante 1758
lavoro giovani influencer

Un’offerta rovinata anche dalla chimera del reddito di cittadinanza

Alcuni hanno risposto che preferivano aspettare i pochi soldi del reddito di cittadinanza piuttosto che impegnarsi in un lavoro. Ci avrebbero ripensato alla fine dei 18 mesi del reddito di sussistenza. Un problema aggiuntivo anche per il mercato dei lavoratori stagionali. Tutte le figure dall’ospitalità, dell’hotelleria, della ristorazione sembrano improvvisamente scomparse. C’è una mancanza enorme di personale addetto al settore turistico. I camerieri sono oramai più introvabili degli unicorni. Se resta comprensibile per gli stagionali che lavorano solo 3 mesi, la situazione risulta incomprensibile a fronte di un’offerta a tempo indeterminato.

Il contributo dei genitori

Il contributo dei genitori al sostentamento dei loro rampolli è visto come un naturale proseguimento dell’età dello studio. Il lavoro non è più il cardine su cui fondare la propria vita e il proprio futuro. La speranza di divenire in qualche modo “famosi” sulla rete web anche senza avere alcuna speciale qualità, strozza le aspirazioni di molti. E’ il pessimo esempio offerto dalle reti commerciali di personaggi dal dubbio peso culturale pesa molto sull’immaginario delle generazioni recenti. Basano tutto su bellezza e simpatia, ma se tette e culo, e un addome tartarugato sono i presupposti di una vita desiderabile, questi sogni verranno presto infranti. Tutti influencer o vogliono davvero un lavoro?

lavoro giovani influencer

Summary
Tutti influencer o vogliono davvero un lavoro?
Article Name
Tutti influencer o vogliono davvero un lavoro?
Description
Tutti influencer o vogliono davvero un lavoro?i giovani non si presentano ai colloqui di lavoro e sognano di sfondare senza avere alcuna qualità
Author
Publisher Name
Oficina
Publisher Logo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *
Il commento sarà pubblicato solo dopo l'approvazione da parte del nostro staff.