Benessere

Trump sempre meno ecologista

La legge che salvaguardia le specie in pericolo è stata annullata, dando il via a speculazioni commerciali

A rimetterci di più sarà probabilmente l’aquila calva, il simbolo stesso degli USA. Ma a Trump nulla importa delle specie animali in pericolo, già è molto che non abbia iniziato lui stesso una battuta di caccia per abbatterle. Sono 1663 le specie animali e vegetali che sono considerate a grande rischio. La legge era stata promulgata proprio per dare una possibilità di salvare queste specie, ma ora ogni progetto di ripopolamento andrà in fumo. Trump sempre meno ecologista.

Pian delle Vette - azienda agricola

Aquile, balene, alligatori condor

Sono molte le specie animali che rischiano gravi conseguenze dallo sfruttamento dei territori e delle aree di protezione. Aquile calve, condor della california, Alligatore americano, balene tra le altre, ma i repubblicani invocavano questa revoca da molti anni. L’intralcio alle compagnia di perforazione, alle attività di miniere ed estrazione di materiali era molto forte e le grandi compagnie da sempre finanziano il ramo destro del parlamento.

Crucolo
ecologia animali riserve

Le lobby in USA funzionano bene, anche troppo

In USA le lobby politiche funzionano bene, sovvenzionano apertamente i politici per ottenere riscontri alle loro richieste, non importa se vanno contro il benessere generale. Il dio danaro è sempre quello che fa la voce più grossa ed ammorbidisce anche le coscienze più moderate. Le formule di protezione “foreseeable future” (futuro prevedibile) che riuscivano a spuntare le pretese di molte compagnie minerarie, ora potranno essere reinterpretate in modo molto più malleabile.

La maledizione della riserva

Al fine di proteggere molte specie considerate di nicchia si è cercato di creare riserve di dimensioni ridotte, in cui poter studiare meglio l’ecosistema. Ora questa riduzione delle aree potrebbe essere controproducente. Aver ristretto i loro territori potrebbe aver indebolito la loro capacità di sopravvivere se dovesse essere invasa la loro area e il loro habitat. Le aree invece di essere ridotte dovrebbero essere espanse, e questo va ovviamente contro chi in quel territorio deve trivellare o far passare un oleodotto per ottenere altri combustibili fossili.

ecologia animali riserve

Le variabili cambiano in modo pericoloso

Cambiano in modo vistoso le variabili che vengono prese in considazione. Subentrano fattori che esulano da quelli conservativi e scientifici, ora viene introdotta la variabile di danno economico arrecato. Ovveo la compagnia che dovesse vantare mire espansionistiche in una certa area potrebbe dare nuove armi ai suoi avvocati. Affermare che l’impossibilità di scavare o entrare in certi territori comporterebbe un danno economico farebbe ovviamente pendere la bilancia a favore delle grandi compagnie.

Una visione anti ecologista

Una visione anti ecologista che non sorprende, provieniente da un pessimo presidente, che mette il denaro al primo posto. Un negazionista del cambiamento climatico, dei rischi d’inquinamento, deforestazione e contaminazione delle acque. Nessuno dei gesti più grevi è stato risparmiato da questa amministrazione nei confronti della salvaguardia del pianeta. Un visuale troppo ristretta, che purtroppo pagheremo tutti, solo per immolarci davanti all’idolo del denaro facile e senza pagare tasse per l’inquinamento provocato. Trump sempre meno ecologista.

ecologia animali riserve

Summary
Trump sempre meno ecologista
Article Name
Trump sempre meno ecologista
Description
Trump sempre meno ecologista ha ritrattato la legge che serviva a proteggere molte specie a rischio creando aree di salvaguardia
Author
Publisher Name
Oficina
Publisher Logo

Un pensiero su “Trump sempre meno ecologista”

  1. Avatar for Luciano Lepori
    Luciano Lepori dice:

    Premesso che l’energia viene usata a livello mondiale per riscaldamento e raffreddamento domestico, per trasporto, e per l’industria (circa un terzo per ogni tipo di consumo), chiedo agli ecologisti quale di questi tre consumi vorrebbero ridurre. Dato che bruciare fossili produce inquinamento e riscaldamento globale, quanti sono disposti a ridurre il condizionamento della casa? Quanti a usare meno l’ automobile? Quanti a vivere più poveri? Penso che nessuno risponderà “si” a tutti e tre i quesiti, e pochi saranno disposti a rinunce sostanziali sui singoli tipi di consumo energetico. Ciò perché qualsiasi riduzione di energia produce un peggioramento della qualità della vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *
Il commento sarà pubblicato solo dopo l'approvazione da parte del nostro staff.