Abitare, Eventi

Osservato l’accoppiamento tra Megattere

Un evento estremamente raro, mai avvenuto in precedenza, entrambi erano maschi

Le Megattere sono animali molto riservati, le loro attività sessuali non erano mai state riportate, fotografate o filmate sinora. Sono tra i mammiferi più grandi del pianeta e vivono nelle acque del pianeta da milioni di anni. Sono presenti in tutti gli oceani del mondo. Ma di loro non si conoscono molti particolari che i biologi marini vorrebbero approfondire. Osservato l’accoppiamento tra megattere

Leggi tutto: Osservato l’accoppiamento tra Megattere

Mai visti prima

Per il loro grande volume non passano inosservate, eppure ciò che riguarda i rituali di accoppiamento e l’azione stessa sono in buona parte misteriosi. Alcuni scienziati e biologi marini vorrebbero chiarire questo mistero ma la vita erotica dei giganti del mare era sinora rimasta completamente nascosta.

Un colpo fortunato di due fotografi alla Hawaii

Queste due enorme balene sono state avvistate al largo dell’isola di Maui alle Hawaii. I fortunati fotografi Lyle Krannichfeld e Brandi Romano non credevano ai loro occhi ,quando hanno potuto osservare l’evento. Le posizioni assunte dai due cetacei non erano mai state osservate in precedenza, ma erano inequivocabili. Però entrambe le balene erano maschi.

Omosessualità rilevata in moltissime specie

La rivista Nature ha studiato l’attività omosessuale di moltissime specie, ne ha rilevato almeno 1.500. Resta il dubbio che il numero sia decisamente sottostimato, perché i biologi non pongono particolare attenzione a questo comportamento. Di solito lo notano solo se è molto differenziato dai rituali consueti. Semplicemente accade, non c’è niente di buono, non c’è niente di male nell’omosessualità, è un comportamento naturale. Lo fanno in molti: i delfini, i bisonti, le libellule, i trichechi, le scimmie bonobo, i leoni, molti uccelli, i pinguini, ecc.

Osservato l’accoppiamento tra Megattere

Moltissima curiosità per l’evento mai fotografato in precedenza

Le due balene di età diverse (30 e 13 anni) nuotavano assieme, la balena più anziana si avvicinava alla più giovane da dietro e la tratteneva con le pinne, inserendo il suo pene nella fessura della sacca che contiene il pene retrattile, dell’altra. La notizia delle due megateri maschio impegnate in attività sessuali ha rapidamente fatto il giro del mondo.

Nessuna teoria svela la realtà

L’interpretazione di questo atto sessuale ha sviluppato molte teorie, nessuna delle quali è definitiva. Nei delfini i rapporti omosessuali oltre che per il piacere, sono utilizzati per rinsaldare i rapporti all’interno del gruppo. Questa potrebbe essere una delle possibilità, ma in altri casi servono per far ridurre le tensioni. In questo sono maestri i bonobo per i quali il sesso è la soluzione ideale per risolvere ogni problema. Di qualunque tipo esso sia, anche con i consanguinei, e senza limiti d’età.

Una Megattera era ferita alla mascella

La balena più giovane aveva problemi alla mascella inferiore, forse colpita da una nave, era più debole, e la più anziana potrebbe aver approfittato della situazione, ma potrebbe anche essere una forma di protezione. Era la stagione degli amori e i livelli ormonali potevano essere molto elevati, tali da far attivare il bisogno di copulare. Toppe variabili che i biologi marini e gli oceanografi vorrebbero studiare meglio. Sempre che altre megattere accetteranno di farsi scovare, mentre svolgono le loro attività più intime. Osservato l’accoppiamento tra megattere

Osservato l’accoppiamento tra Megattere
Abitare, Benessere

Cos’è l’orgasmo cutaneo?

La musica può creare reazioni molto soggettive quando stimola il nostro cervello.

Cosa accade quando quel brano e quel passaggio sonoro colpisce il nostro orecchio e arriva a stimolarci fino a provare “brividi”? Ognuno di noi ha sensibilità diverse per la musica e reagisce di conseguenza. Per qualcuno sarà Mozart, per altri Leonard Cohen a toccare la giusta sequenza sequenza di accordi o a raggiungere l’acuto che ci fa rizzare i peli. Cos’è l’orgasmo cutaneo?

Leggi tutto: Cos’è l’orgasmo cutaneo?

Dopamina in arrivo

Hanno rilevato che quella emozione si ottiene quando il nostro corpo è attraversato da una dose extra di dopamina. Il neuro-trasmettitore che è associato al piacere. Per questo hanno coniato il termine di orgasmo cutaneo. Il cervello riserva sempre sorprese, per questo viene studiato in ogni sua evoluzione. La scoperta recente che i cervelli sono cablati in modo diverso non sorprende.

Sensibili alla musica e all’arte

I soggetti che sono particolarmente sensibili alla musica (ma anche all’arte in genere) possono provare brividi proprio perché il loro cervello è creato in modo particolare. La sensibilità musicale non è legata solo a studi specifici o alla “coltivazione del bello”. È connaturata in noi ed è legata al modo in cui si è formata la nostra corteccia cerebrale. Chi prova brividi ha più forti collegamenti con le aree del cervello che sono sensibili alle emozioni.

Cos’è l’orgasmo cutaneo?

Brividi e pelle d’oca

Quasi i due terzi della popolazione possiede questa sensibilità di essere stimolata da musica, arte, paesaggi od eventi. I brividi nella schiena, i peli che si rizzano come elettrizzati o la pelle d’oca sono una dotazione abbastanza comune. Che però si manifesta in modi diversi e più o meno persistenti, e dipende dalla nostra disponibilità ad aprirci a nuove esperienze. Una capacità di venire interessati al nuovo, all’imprevisto. Una sensibilità che non può essere costruita da zero ma che può essere coltivata

Sesso e droga

Le emozioni che proviamo ascoltando buona musica sono abbastanza simili a quelle che vengono stimolate da sesso e droghe. Questo indispettisce alcuni scienziati che vorrebbero tenere separate le reazioni alla bellezza rispetto alle reazioni provocate da sostanze. Gli orgasmi cutanei a loro parere, sono esperienze che non hanno bisogno di venire accomunata a pratiche considerate sconvenienti

Il cervello non si lascia guidare

Ma il nostro cervello decide in autonomia come comportarsi in presenza di dopamina e non è possibile irreggimentarlo. I brividi arrivano quando siamo “disposti ad accoglierli” e a goderceli, cha sia la Cappella Sistina o un brano musicale che amiamo e che eseguito in un modo che sa colpirci. I brividi sono una reazione al freddo, ma anche un segnale di piacere, sta a noi indirizzarli come vogliamo. Cos’è l’orgasmo cutaneo?

Cos’è l’orgasmo cutaneo?

Credits: Pixabay

Abitare, Benessere, Eventi

Troppo sesso e poco sonno uccidono

I piccoli quoll pensano solo a trovarsi una compagna e muoiono di sfinimento

Sono piccoli marsupiali a pois, ma hanno una gestione del sesso davvero preoccupante. Quando comincia la loro stagione degli amori rinunciano a dormire e sono presi dalla frenesia di accoppiarsi. Per trovare femmine disponibili compiono viaggi di parecchi chilometri (anche una decina) senza fermarsi. Tenete conto che con le loro dimensioni è come se un uomo percorresse una quarantina di chilometri ogni notte solo per accoppiarsi. Troppo sesso e poco sonno uccidono

Leggi tutto: Troppo sesso e poco sonno uccidono

Trascurano l’igiene

Sono talmente travolti dalla frenesia di accoppiamento che ignorano tutte le altre abitudini. La prima delle quali è l’igiene, che nel resto della loro vita è accurata. Si sfiancano e arrivano a consumarsi letteralmente d’amore. Non sono gli unici animali a farlo, i salmoni dopo aver deposto e fecondato le uova si lasciano morire, come ben sanno gli orsi canadesi che li aspettano al varco. Anche alcuni polipi si lasciano morire dopo aver gioito dei piaceri della copula.

Rischio d’estinzione

Questa attività li espone a rischio di estinzione poiché i maschi della specie vivono mediamente solo un anno. Le femmine fortunatamente sono più sagge e riescono a vivere anche 4 stagioni. Questa attività sessuale si definisce semelparità (semel=una volta sola) e li porta a consumarsi d’amore. Quasi tutti i maschi quoll muoiono di stanchezza o diventano facili prede, soprattutto di gatti e volpi. Troppo deboli per fuggire e spompati da troppo sesso i loro corpicini sono invasi da ormoni dello stress. Nel corso della stagione degli amori perdono una grande percentuale di massa corporea.

Troppo sesso e poco sonno uccidono

Mini zaini

I ricercatori hanno agganciato mini zaini con segnalatori per seguire gli spostamenti notturni dei quoll. Hanno così scoperto che percorrono molti chilometri e non dormono quasi mai. In confronto ai maschi, le femmine riposano tantissimo, quasi 6 ore contro gli scarsi 90 minuti dei maschi. Il desiderio di trovare femmine recettive li fa correre ovunque con molta fretta. Inoltre si battono coi loro colleghi per tenere posizioni di controllo e si feriscono.

A fine stagione

Arrivati a fine stagione sono così deboli che perdono il pelo, si coprono di croste e parassiti, diventano realmente irriconoscibili. In alcuni casi si lasciano spegnere, in altri i predatori svolgono un vero rallestramento di quelli ancora vivi. Il rischio che si estinguano è veramente alto, sono rimaste solo poche decina di migliaia di quoll. Ma col ritmo con cui i maschi s’immolano al dio dell’amore potrebbero scomparire presto. Hanno anche il cattivo vizio di cercare di nutrirsi di una specie di rospi invasivi. I rospi delle canne purtroppo stanno invadendo i loro habitat e sono velenosissimi. Una concomitanza di fattori decisamente negativa. Troppo sesso e poco sonno uccidono

Credits: Pixabay, WorldOpenNews

Benessere, Enogastronomia

Cibo batte sesso e sport

La maggior passione degli italiani non è passare tempo tra le lenzuola, ma a tavola

Potevamo un poco immaginarlo ma ora arriva la conferma che noi italiani non possiamo fare a meno dei piaceri della tavola. Pare che siamo l’unico popolo che continua a parlare di cibo anche mentre lo consuma. Forse alla base c’è una fame atavica costruita nei millenni. Oppure è proprio una sensibilità per tutto ciò che riguarda sapori, fragranze, aromi e profumi. Le ricette che riusciamo a scambiarci ad ogni pranzo e cena ufficiale o tra amici, è degna di una indagine psicologica. Cibo batte sesso e sport

Continua a leggere →
Abitare, Eventi

Sedurre le vittime facendole impazzire di sesso

Se foste un mollusco e doveste cercare di nutrirvi in fondo all’oceano che strategia usereste?

C’è una lumachina, una di quelle con la sua conchiglietta conica, che ha deciso di usare le lusinghe del sesso per sopravvivere. Usa una strategia particolare per attrarre le sue vittime, le ammalia con un ferormone. I biologi la chiamano “strategia della sirena“, proprio per l’effetto della seduzione che svolge nei confronti delle sue prede. I vermi marini escono dai loro nascondigli attratti da quello che credono sia l’odore di una femmina in calore. Sono convinti che sia pronta all’accoppiamento e perdono ogni timore reverenziale. Anche a rischio della loro incolumità. Sedurre le vittime facendole impazzire di sesso

Continua a leggere →
Eventi

Enrico III il re che sfidò le norme sessuali

Un piccolo ritratto ha rivelato alcuni degli aspetti troppo innovativi per l’epoca, di Enrico III di Valois, nella Francia del XVI secolo

Cos’avreste pensato nella Francia del ‘500 se vi avessero detto che il vostro re era bisessuale. Che amava il cross-dressing (vestirsi da donna), le crinoline, le cuffiette di velluto, i belletti e i gioielli. Che aveva una passione per gli orecchini, e le gorgiere inamidate. Che a corte oltre alla favorita circolavano parecchi favoriti, che amavano vestirsi allo stesso modo, ed avevano potere decisionale? Queste erano le voci che circolavano su Enrico III re di Valois, di Francia e Polonia. Sembravano preparate ad arte per sminuirlo e metterlo in difficoltà. Eppure qualcosa di vero c’era e la conferma è arrivata per caso. Enrico III il re che sfidò le norme sessuali

Continua a leggere →
Eventi

Sesso così intenso da morire di piacere

Con la noia della quarantena viene voglia di esplorare fantasie sessuali, ma nel mondo animale c’è chi lo vive veramente al limite

Anche YouPorn ha voluto aiutare coloro che sono confinati in casa regalando gli accessi privilegiati ai propri filmati. Un catalogo molto ampio di attività erotiche in grado di soddisfare quasi ogni gusto e curiosità. Ma se immaginate di aver già visto tutto c’è ancora chi può abbondantemente sorprendervi, ed è il regno animale. Le cicale quando sono attaccate da un fungo impazziscono, e fanno sesso ovunque e comunque finché non cominciano a perdere pezzi del loro corpo. Sesso così intenso da morire di piacere

Continua a leggere →
Eventi

Lavoratrici del sesso in cassa integrazione

Cambiano le abitudini degli italiani per la quarantena e ci sono curiose novità che riguardano la malavita e l’appeal erotico

Il caso del maschio italiano fermato dalla polizia perché in giro in auto in cerca di sesso a pagamento e rimandato a casa, ha sollevato curiosità. In effetti per le operatrici del sesso è un momento di calma piatta. Solo chi svolge la professione al chiuso o di giorno ha pochissime possibilità di esercitare. Resta il deterrente di dover compilare la auto-certificazione e alla voce della causa per l’uscita di casa, probabilmente molti tenteranno di lasciare in bianco. O molto più probabilmente finiranno in bianco. Lavoratrici del sesso in cassa integrazione

Continua a leggere →
Benessere, Eventi

Le cicale e il fungo a tutto sesso.

La vorticosa vita sessuale delle cicale dominata da un fungo che le fa uscire pazze.

Le cicale rimangono sottoterra per un periodo lunghissimo prima di raggiungere la maturità sessuale. Quando si risvegliano e sono pronte escono dal terreno e si danno da fare per cercare un compagno o una compagna con la quale deporre e fecondare le uova. Dopo un periodo così prolungato di astinenza, anche 17 anni sottoterra, è comprensibile una certa frenesia. Però si sono segnalati fenomeni aberranti. Alcune cicale continuano ad accoppiarsi continuamente anche dopo che i loro apparati sessuali sono caduti per l’abuso. Un fenomeno inusuale tra gli insetti. Le cicale e il fungo a tutto sesso

Continua a leggere →
Benessere

Bonobo le suocere impiccione

Le femmine matriarche di Bonobo, impongono la loro presenza ai figli maschi

Se pensavate di essere le uniche ad essere tormentate da suocere invadenti siete in errore. Non sono solo gli umani ad avere suocere impiccione. Nelle comunità dei Bonobo le matriarche che reggono le sorti della tribù, impongono la loro presenza ai figli maschi anche nei momenti più intimi. Anzi sono loro stesse che quando si accorgono del periodo fertile delle altre femmine spingono i loro figli ad accoppiarsi. Bonobo le suocere impiccione.

Continua a leggere →