Abitare, Eventi

Piume più folte per gli uccelli canori dell’Himalaya

Un adattamento per sopravvivere ad alta quota senza sprecare troppe energie rabbrividendo

Gli uccelli canori che vivono sulle falde dell’Himalaya, si sono adattati ad un clima inospitale per poter avere le risorse necessarie per sopravvivere. Per evitare di morire congelati attivano la funzione che li fa tremare ed obbliga il loro sistema circolatorio ad accelerare. Possono arrivare a perdere fino ad un quinto del loro peso per questa incessante azione di tremolio. Per non consumarsi dal freddo hanno elaborato una tecnica precisa che riguarda le loro piume. Piume più folte per gli uccelli canori dell’Himalaya

Abitare, Eventi

Le sorti del mondo legate a un ciuffo d’erba sull’Himalaya

Scienziati in allarme per l’allargamento delle aree dove riescono a crescere i vegetali.

L’Himalaya con le sue vette protese verso il cielo, funziona come termometro dei cambiamenti in atto. Un ecosistema fragilissimo che mostra preoccupanti segnali di variazioni. È sempre più spostato verso l’alto il limite in cui la vegetazione riesce a crescere. L’area al di sotto delle nevi perenni è sempre più verde. Muschio, erba e piccoli arbusti riescono ad attecchire dove sino a poco tempo fa non c’era nulla. Le sorti del mondo legate a un ciuffo d’erba sull’Himalaya