Eventi

Sarà l’Intelligenza Artificiale a bloccare le fake news?

Ci stanno lavorando in parecchi ma ancora siamo lontani dall’obiettivo

Anche Facebook è impegnata a cercare di trovare il modo per limitare o annullare le fake news. Il sogno è trovare un’Intelligenza Artificiale che possa farlo in tempo reale. Bloccare una balla prima che venga diffusa e diventi virale, è l’obiettivo principale. Non sarà una ricerca facile. Sarà l’Intelligenza Artificiale a bloccare le fake news?

Eventi

Mostrare i genitali come forma di protesta

L’Intelligenza Artificiale viene utilizzata per selezionare le immagini pruriginose dalle piattaforme di vendita o servizi online

È diventata un’esigenza dopo che i clienti insoddisfatti hanno cominciato a mandare immagini poco gentili come commenti negativi. I clienti insoddisfatti di Deliveroo inviano le immagini del cibo ricevuto alla piattaforma. Ma non si limitano a questo, vi aggiungono un photobombing dei loro genitali o altre parti anatomiche che non lasciano dubbio sul fatto che non si sia gradito quanto ordinato. Mostrare i genitali come forma di protesta

Eventi

Abbiamo passato il segno col deep fake di Renzi

In periodi di fake news a manetta giocare col deepfake può essere pericoloso. Bisogna porre un limite a cosa è eticamente trasmissibile

Canale 5 col suo programma Striscia la notizia ha superato un limite invisibile ma non valicabile. Quello della manipolazione della notizia.  È un programma satirico ma spesso viene usato con finalità politiche, un video come quello trasmesso lunedì deve venire opportunamente segnalato. I più semplici tra gli spettatori televisivi potrebbero venire condizionati e prendere per vere cose che assolutamente non lo sono. Abbiamo passato il segno col deep fake di Renzi

Eventi

Facebook finalmente tenta una svolta etica

Un coinvolgimento più forte del personale alla battaglia alle fake-news e ai gruppi di odio

Finora Mark Zuckenberg ha premiato i suoi dipendenti facendo leva soprattutto su elementi di crescita. Tra i settori che venivano maggiormente presi in considerazione figurava la crescita del numero degli utenti e il loro coinvolgimento. Venivano presi in considerazione anche i risparmi ottenuti grazie ad una maggiore efficienza, ed il miglioramento della qualità dei prodotti e del brand . Ora vengono posti in evidenzi i progressi legati alla privacy. Facebook finalmente tenta una svolta etica.