Benessere

Ecstasy contro lo stress post-traumatico 

Se verrà approvato dalla FDA, il farmaco sarà il primo psichedelico approvato per la salute mentale

Leggi tutto: Ecstasy contro lo stress post-traumatico 

Gli USA sono tra i primi paesi a mettere in discussione il trattamento della salute mentale tramite psicofarmaci. Un uso delle sostanze non solo per procurarsi sballo e che può portare a dipendenze pericolose ma un vero antidoto per battere lo PTSD. Sigla che sta per Stress Post Traumatico, uno dei già gravi problemi legati alla salute mentale. Gli esperimenti in questo senso vengono portati avanti da due decenni con risultati incoraggianti. Ecstasy contro lo stress post-traumatico

Disturbi in rallentamento grazie alla MDMA

I trattamenti stanno dando risultati percepibili, nella sfera dell’umore instabile. Sono necessari altri studi per sdoganare completamente l’Ecstasy (nota anche come molly o MDMA) in questo settore medico. Gli esperti del settore e gli psichiatri sono convinti che i risultati saranno sempre più interessanti.

Ecstasy contro lo stress post-traumatico

Non solo party e sballi

L’ecstasy, è una droga da party comunemente usata nelle feste, festival musicali o nei rave. Viene usata per esaltare alcune capacità che eccitano e disinibiscono gli utilizzatori. Sfrutta tre differenti neuro-trasmettitori: serotonina, dopamina e norepinefrina. Le controindicazioni sono legate alla sensazione di stanchezza, depressione o ansia che seguono all’uso e che possono durare anche alcuni giorni.

L’abuso ha relegato la sostanza tra quelle non utilizzabili in medicina

Prima degli anni ’80, e prima che divenisse una droga così diffusa era usata in ambito di sperimentazione chimica. Ma la sua pericolosità e la possibilità di abusarne l’aveva fatta espellere dalle sostanze utilizzabili nelle terapie. Questo divieto ha bloccato gli studi che ora avrebbero già 50 anni di dati da poter essere elaborati.

Australia in anticipo

Già dall’anno scorso l’Australia consente di prescrivere Ecstasy e psilocibina (fungo magico) per combattere lo stress post traumatico. Lo studio successivo ha evidenziato significativi miglioramenti a coloro che avevano ricevuto MDMA, rispetto a chi era stato trattato con placebo. I dati sono già disponibili su Nature Medicine. I casi di remissione sono stati rilevanti. E’ mutato anche l’approccio alla malattia o all’evento traumatico. Attendiamo gli sviluppi successivi, che possano sdoganare le sostanze come aiuto a combatter le malattie mentali. Ecstasy contro lo stress post-traumatico

Ecstasy contro lo stress post-traumatico

Credits: Pixabay

Abitare, Benessere

Cos’è l’orgasmo cutaneo?

La musica può creare reazioni molto soggettive quando stimola il nostro cervello.

Cosa accade quando quel brano e quel passaggio sonoro colpisce il nostro orecchio e arriva a stimolarci fino a provare “brividi”? Ognuno di noi ha sensibilità diverse per la musica e reagisce di conseguenza. Per qualcuno sarà Mozart, per altri Leonard Cohen a toccare la giusta sequenza sequenza di accordi o a raggiungere l’acuto che ci fa rizzare i peli. Cos’è l’orgasmo cutaneo?

Leggi tutto: Cos’è l’orgasmo cutaneo?

Dopamina in arrivo

Hanno rilevato che quella emozione si ottiene quando il nostro corpo è attraversato da una dose extra di dopamina. Il neuro-trasmettitore che è associato al piacere. Per questo hanno coniato il termine di orgasmo cutaneo. Il cervello riserva sempre sorprese, per questo viene studiato in ogni sua evoluzione. La scoperta recente che i cervelli sono cablati in modo diverso non sorprende.

Sensibili alla musica e all’arte

I soggetti che sono particolarmente sensibili alla musica (ma anche all’arte in genere) possono provare brividi proprio perché il loro cervello è creato in modo particolare. La sensibilità musicale non è legata solo a studi specifici o alla “coltivazione del bello”. È connaturata in noi ed è legata al modo in cui si è formata la nostra corteccia cerebrale. Chi prova brividi ha più forti collegamenti con le aree del cervello che sono sensibili alle emozioni.

Cos’è l’orgasmo cutaneo?

Brividi e pelle d’oca

Quasi i due terzi della popolazione possiede questa sensibilità di essere stimolata da musica, arte, paesaggi od eventi. I brividi nella schiena, i peli che si rizzano come elettrizzati o la pelle d’oca sono una dotazione abbastanza comune. Che però si manifesta in modi diversi e più o meno persistenti, e dipende dalla nostra disponibilità ad aprirci a nuove esperienze. Una capacità di venire interessati al nuovo, all’imprevisto. Una sensibilità che non può essere costruita da zero ma che può essere coltivata

Sesso e droga

Le emozioni che proviamo ascoltando buona musica sono abbastanza simili a quelle che vengono stimolate da sesso e droghe. Questo indispettisce alcuni scienziati che vorrebbero tenere separate le reazioni alla bellezza rispetto alle reazioni provocate da sostanze. Gli orgasmi cutanei a loro parere, sono esperienze che non hanno bisogno di venire accomunata a pratiche considerate sconvenienti

Il cervello non si lascia guidare

Ma il nostro cervello decide in autonomia come comportarsi in presenza di dopamina e non è possibile irreggimentarlo. I brividi arrivano quando siamo “disposti ad accoglierli” e a goderceli, cha sia la Cappella Sistina o un brano musicale che amiamo e che eseguito in un modo che sa colpirci. I brividi sono una reazione al freddo, ma anche un segnale di piacere, sta a noi indirizzarli come vogliamo. Cos’è l’orgasmo cutaneo?

Cos’è l’orgasmo cutaneo?

Credits: Pixabay

Eventi, Viaggi

I piccoli pescherecci contrabbandano droghe

La mancanza di altre opzioni per i pescatori ha portato ad un boom di traffici illegali nelle comunità costiere

Sembra una storia degna di un film hollywoodiano. Un peschereccio o una flottiglia in via di fallimento che cerca di ripianare i debiti con un viaggio disperato trasportando droga. Eppure comincia veramente così la storia di come certi commerci riescono a trovare sbocchi da e per il mare. Le ragioni possono essere diverse; l’impoverimento degli oceani, la pesca eccessiva, l’inquinamento o la creazione di nuove riserve marine mettono in crisi molte piccole realtà. I pescatori sono quasi sul lastrico ed è proprio in quel momento che i trafficanti fanno offerte che non si possono rifiutare. I piccoli pescherecci contrabbandano droghe.

Continua a leggere →