Abitare, Eventi

Le donne erano cacciatrici guerriere e sacerdotesse

Stanno uscendo nuovi studi che modificano molte teorie gender.

Per molti anni si sono immaginate società con ruoli ben definiti, uomini cacciatori e donne raccoglitrici. Ma non è stato sempre così. La cultura vittoriana aveva posto vincoli alle donne relegandole in casa e dedicate alle faccende domestiche, ma in altri momenti  le donne avevano gli stessi ruoli dei maschi. Non erano solo raccoglitrici, e non erano solo dedicate a custodire il focolare, avevano altri ruoli e li svolgevano alla pari dei loro compagni. Le donne erano cacciatrici guerriere e sacerdotesse

Abili compagne di caccia

Le donne preistoriche erano capaci ed abili nell’uccidere la selvaggina come gli uomini. Lo facevano con gli stessi ruoli, cacciando sia coi maschi, sia in gruppi di sole donne. La caccia era l’attività più importante ed il foraggiamento e la raccolta di altri cibi era di contorno. Le femmine presenti nei gruppi avevano ruoli precisi, armi apposite (lo rivelano le sepolture) ed esperienza nell’usarle.

Anziane esperte ed abili insegnanti

Le anziane erano in grado di insegnare alle giovani e tramandare esperienze ed abilità. Le donne sapevano anche cacciare coi cani, isolando le loro prede. Le dimensioni delle prede non le spaventavano, sapevano agire in gruppo. Ciò che poteva essere diverso era la forma e la dimensione delle armi. Nelle sepolture sono state trovate armi di differente peso accanto a uomini e donne.

Teorie gender dure a morire

Alcuni studiosi mettono in dubbio queste teorie immaginando che le armi sepolte con le femmine possano essere oggetti rituali e non di caccia. Ma gli esempi di donne cacciatrici e guerriere si intensificano. La tendenza a ragionare con differenziazioni gender dei ruoli è fondata su schemi mentali odierni che nelle preistoria non esistevano. Una chiusura mentale che si riverbera sui ruoli attuali.

La donna d’avorio

A ribadire le capacità delle donne di assumere ruoli di potere, di governance, arriva anche lo sviluppo della ricerca sull’uomo d’avorio. Una sepoltura di 5.000 anni fa scoperta in Spagna. Quello che sembrava per sontuosità, arredi e unicità, il sepolcro di un uomo di particolare carisma e potere, si è invece rivelato appartenere ad una donna.

Una donna carismatica o una regina

Le donne potevano ricoprire ruoli di alto rango nella società iberica. Questa ragazza (defunta tra i 17 o i 25 anni) era “persona di rango più alto”, forse una principessa o una regina o una sacerdotessa. La particolare ricchezza del sito sepolcrale era enorme se confrontata con gli altri sepolcri del periodo. La signora d’avorio probabilmente è stata venerata per il suo potere per molte generazioni.

Una donna d’azione

Forse era una guerriera, il suo scheletro racconta di una vita di duro lavoro. Probabilmente era abituata a dare l’esempio ed essere in prima linea. Questo porta nuova linfa ai ricercatori che dichiarano non essere vero che gli uomini fossero i più venerati o avessero i ruoli di massima autorità. Le donne erano cacciatrici guerriere e sacerdotesse

Credits: Pixabay

Abitare, Benessere

Donne resilienti in montagna salvano la loro unicità

Si deve soprattutto alle donne se alcune tradizioni alla base della cultura montana sono salve

É ciò che hanno dibattuto alcuni giorni fa nel Castello del Buonconsiglio a Trento in un convegno dedicato alle minoranze. Se ancora si può parlare di radici cimbre, ladine o mòchene è proprio per il grande lavoro svolto dalle donne di montagna. Sono loro che hanno svolto un’opera fondamentale negli anni. Donne resilienti in montagna salvano la loro unicità

Continua a leggere →
Eventi

Quando daremo l’addio alla violenza sulle donne?

Le panchine o le scarpette rosse abbandonate, sono il simbolo di questa giornata che ricorda gli atti violenti fisici e psicologici contro le donne 

Mamme, mogli, fidanzate, sorelle, nonne…sono decine di migliaia le donne che ogni giorno subiscono abusi e violenze. Una piaga che non sembra avere mai fine e che nel periodo del lockdown è aumentata (+11%). Eppure sono le stesse donne che lavorano e che si prendono cura dei figli, le future generazioni, il nostro futuro. Qualche maschietto non deve aver ancora capito che essere la moglie, la fidanzata o la compagna non significa possederla fisicamente.  Non hanno capito che la loro gelosia passa per la loro inadeguatezza, per la loro incapacità di amare. Quando daremo l’addio alla violenza sulle donne?

Continua a leggere →
Benessere

Le donne sono più forti degli uomini

I dati scientifici ribaltano le nostre conoscenze, sono le donne ad essere più forti degli uomini, in molti campi.

Le donne vengono ritenute forti quando si occupano di dare assistenza medica o quando devono partorire. Se c’è da spostare un frigorifero o spalare la neve davanti al garage, si pensa sempre che sia meglio ingaggiare un ragazzone, come se le donne non potessero farcela. In realtà le donne approfittano di questa cultura popolare del maschio potente, che porterà per loro la borsa della spesa e cambierà la ruota bucata dell’auto. Non ne hanno bisogno, ma amano farcelo credere. Preferiscono farsi coccolare dagli “omaccioni”, che così si sentono importanti. Le donne sono più forti degli uomini

Continua a leggere →
Eventi

Un futuro tecnologico taglierà fuori le donne

Rischiamo un altro divide tecnologico che esclude le donne

Siamo agli albori di una nuova era, il sentimento che la accompagna è un misto di timori ed esaltazioni. Moltissimi dei lavori ripetitivi verranno affidati ai robot e l’Intelligenza Artificiale diventerà il protagonista principale. C’è il rischio di incorrere in un altro technical divide che separi le carriere di maschi e femmine un ennesima volta. Un futuro tecnologico taglierà fuori le donne, e le escluderà dal mondo del lavoro.

Continua a leggere →
Eventi

Un volantino della Lega riporta le donne a casa a far la calza

Ultima fermata Crotone per la parità

Diritti un volantino della Lega riporta le donne a casa a far la calza. Forse si rivelerà uno scherzo ma se non lo fosse sarebbe di un cattivo gusto davvero unico. Un volantino della Lega snocciola un elenco di luoghi comuni maschilisti che nemmeno al Bar Sport. Alla domanda retorica Chi offende la dignità delle donne? vengono allegate una serie di risposte, grevi con concetti molto discutibili.

Continua a leggere →