Abitare, Benessere, Viaggi

Overtourism come combatterlo?

Sta diventando un problema serio quello dei turisti troppo invadenti.

Si stanno sviluppando strategie per combattere il problema, del troppo affollamento da turisti, molto divergenti. In Spagna i residenti stanno spingendo i turisti ad andarsene dalle città diventate troppo caotiche. Recentemente li hanno anche “rinchiusi” nei ristoranti con delimitazioni di bandelle bicolori e spruzzati con le pistole ad acqua. Una protesta che ha creato molto rumore e che è il testimonial di una crisi seria. Overtourism come combatterlo?

Leggi tutto: Overtourism come combatterlo?

Numero Chiuso?

A Venezia stano realizzando una sorta di numero chiuso con tassa d’ingresso giornaliera. In Giappone impediscono ai turisti di visitare il quartiere delle geishe perché disturbano troppo e scattano troppe foto, violando la loro privacy. Ancora nel nostro paese per impedire che vengano aggiunti altri graffiti sui monumenti, sono state aumentate le multe per i nuovi vandali. Anche Amsterdam ha calmierato il numero dei natanti che possono entrare in città, e speriamo che l’esempio venga colto anche dalla laguna  Venezia.

Copenhagen ha scelto di premiare i turisti più corretti

Ma ci sono anche altri modi per evitare che le troppe presenze creino disturbo nelle grandi città. Lo scorso ano a Copenhagen ci sono stati 63 milioni di pernottamenti, con un forte aumento di presenze, ma il comune invece di spaventarsi ha pensato di premiare i turisti. Ovviamente quelli che si comportano in modo corretto ed ecologico.

Overtourism come combatterlo

Biciclette e mezzi pubblici per ottenere bevute e pasti gratis

Lo stimolo ad usare i mezzi pubblici e le biciclette, si concretizza in omaggi, sconti o ingressi gratuiti ai musei. La strategia ha appena avuto inizio e non sappiamo se funzionerà, ma sicuramente è un modo più gradevole di gestire le masse, rispetto al respingimento dei turisti. Anche il minore sforzo per controllare, ha un effettivo risparmio per quanto riguarda le forze dell’ordine.

Premi immediati ai più virtuosi

Chi usa i mezzi o aiuta a pulire, riceverà dei vantaggi immediati. L’iniziativa si chiama CoperPay ed ha coinvolto diverse attività commerciali e sportive. Puoi raccattare i rifiuti sulla spiaggia del club di surf ed ottenere un pasto gratis, oppure un bicchiere di vino o birra se dimostri di essere arrivato in alcuni locali usando i mezzi pubblici o la bicicletta. O puoi avere una crociera in barca di un’ora con GoBoat Copenhagen se aiuti a rassettare.

Un mese di test per capire se la strategia funziona

Sarà un periodo di prova di un mese per comprendere se ne vale la pena, ma tutto lascia supporre che per ottenere una birra fresca in omaggio, saranno molti quelli che utilizzeranno la bicicletta per visitare la città. La speranza è che l’uso virtuoso ed etico delle attività turistiche diventi un emblema della capitale che ospita la Sirenetta. Overtourism come combatterlo?

Overtourism come combatterlo

Credits: Pixabay

Abitare, Benessere

Copenaghen a impatto zero in 6 anni

Il piano per azzerare le emissioni di carbonio di Copenaghen entro il 2025

Ogni grande città occidentale sembra volersi fregiare di un piano programmatico per azzerare le emissioni di anidride carbonica nel più breve tempo possibile. Molte hanno messo la deadline al 2030, qualcuna al 2050 ma c’è chi ha abbreviato i tempi e conta di arrivare a completare il passaggio in soli 6 anni. Il progetto prevede un completo passaggio ad energie rinnovabili, mentre la produzione di energia verde abbatterà la parte residua rilasciata in atmosfera. Copenaghen è una città dinamica, che crea occupazione ed occasioni di lavoro ed intende restare all’avanguardia in molti campi, compresa una grande qualità della vita. Copenaghen a impatto zero in 6 anni

Continua a leggere →