Benessere, Eventi

Gli animali artici cambiano abitudini

Il cambiamento climatico ha imposto nuove abitudini alimentari e riproduttive alla fauna

Renne, caribù, orsi, balene, aquile reali e altre 90 specie osservate dagli scienziati per quasi 30 anni hanno modificato i loro stili di vita. Hanno anticipato i cambiamenti perché l’Artico sta accelerando. Nessuna area del mondo sta mutando così rapidamente, il riscaldamento della zona artica è il doppio rispetto al resto del pianeta. I ghiacci si stanno sciogliendo con una rapidità sconcertante, la Groenlandia è arrivata già al punto di non ritorno. Quei ghiacci che erano considerati perenni, non si riformeranno più nella stessa misura. Le condizioni peggioreranno a causa di questa accelerazione degli eventi. Gli animali artici cambiano abitudini

Abitare, Benessere

Sempre più malattie si sviluppano in città e fattorie.

Sono gli animali selvatici a fare da vettori, ma è la conformazione del panorama urbano a condizionare questa diffusione

Le malattie portate dagli animali prosperano negli ambienti urbanizzati. Con ogni albero abbattuto, con ogni metro quadro di cemento e asfalto aggiunto, costruiamo un’autostrada attraverso la quale le malattie possono diffondersi. Quando modifichiamo le condizioni per la biodiversità abbreviamo il percorso per molte patologie. Sono animali molto comuni come ratti e volatili che si fanno carico di questo compito di vettori di malattie sconosciute. Sempre più malattie si sviluppano in città e fattorie

Benessere

I pitoni stanno svuotando le Everglades

Liberati da incauti possessori i pitoni birmani stanno cacciando tutti gli animali del Sud della Florida. Stanno cambiando l’ecosistema.

Le Everglades sono una zona umida, unica nel suo genere. Una sorta di palude in movimento, come un fiume lentissimo che scorre al mare. Sono una zona protetta che gli studiosi cercano di mantenere intatta ma che presenta un’emergenza inattesa. La cosa che colpisce maggiormente chi l’ha già visitate nel passato è l’assoluto silenzio che vi regna. Sono infatti scomparsi quasi tutti gli animali a sangue caldo. I pitoni stanno svuotando le Everglades

Benessere

La natura si riprende i suoi spazi col Covid-19

La scarsa presenza umana legata al lockdown ha mutato le abitudini degli animali che non si sentono più in pericolo e ritornano a mostrarsi

Cervi, daini, cinghiali, volpi facevano timidissime apparizioni anche nei centri urbani fino a pochi giorni fa. Ora hanno cambiato atteggiamento e dopo solo due mesi senza umani in giro, hanno allargato i loro areali. Trovare cervi o daini a spasso per i parchi o a banchettare con l’erba rasata dei campi di calcio è ormai comune. Le presenze dei cinghiali erano già massicce ed anche quelle delle volpi non erano così rare, ma ora sono diventate comunissime. Forse qualcuno vorrebbe avere una volpe come animale domestico per avere ancor più possibilità di uscire per farla passeggiare. La natura si riprende i suoi spazi col Covid-19

Benessere, Enogastronomia

Animali selvatici al bando in Cina

Una nuova legge mette fuori commercio gli animali selvatici, anche se suona come chiudere la stalla dopo che i buoi sono fuggiti

Ci volevano tutti i disagi potati dal coronavirus per mutare le abitudini alimentari cinesi. Un gesto molto etico e intelligente per la salvaguardia di molte specie in pericolo. Ma aspettate a gioire, se il divieto salverà molti cani e gatti destinati a finire in pentola non sarà esteso a tutti i tipi di utilizzo della fauna selvatica.Gli animalisti prima di esultare è bene che spulcino cosa nasconde questa legge. Se è proibito cibarsene e farne commercio per la cucina, tutte le altre attività non sono proibite. Animali selvatici al bando in Cina

Eventi

Il futuro è degli animali molto più piccoli di oggi

L’evoluzione non si arresta, gli umani aumentano l’altezza e gli animali si riducono per sopravvivere

Basterà forse solo un secolo per sconvolgere il mondo animale. Molte specie scompariranno e levoluzione darà spazio ad una serie di animali di piccole e medie dimensioni. I grandi mammiferi sono destinati all’estinzione, potrebbero salvarsi solo quelli che potranno evolversi. Le difficoltà di alimentazione ridurranno le possibilità di sopravvivenza. Soprattutto per chi ha metodi riproduttivi che hanno bisogno di molto tempo per la gestazione e per essere fertili. La velocità sembra essere un elemento vincente nella catena riproduttiva. Il futuro è degli animali molto più piccoli di oggi

Benessere

Trump sempre meno ecologista

La legge che salvaguardia le specie in pericolo è stata annullata, dando il via a speculazioni commerciali

A rimetterci di più sarà probabilmente l’aquila calva, il simbolo stesso degli USA. Ma a Trump nulla importa delle specie animali in pericolo, già è molto che non abbia iniziato lui stesso una battuta di caccia per abbatterle. Sono 1663 le specie animali e vegetali che sono considerate a grande rischio. La legge era stata promulgata proprio per dare una possibilità di salvare queste specie, ma ora ogni progetto di ripopolamento andrà in fumo. Trump sempre meno ecologista.

Benessere

Fermiamo la crudeltà contro gli animali del circo

Si possono sostituire gli animali ammaestrati vivi con ologrammi di sorprendente qualità.

Sono moltissimi coloro che non frequentano più i circhi per evitare di assistere a spettacoli con la presenza di animali vivi. La crudeltà con cui sono ammaestrati e il livello molto basso della loro qualità di vita offende una buona parte degli spettatori più sensibili. Un circo tedesco celebre proprio per i suoi numeri con animali ha saputo coniugare il desiderio di assistere agli spettacoli senza dover far soffrire nessun animale. Fermiamo la crudeltà contro gli animali del circo

Benessere

Ha senso tenere aperti gli zoo?

Sarebbe più corretto educare i visitatori ad andare nei luoghi dove risiedono gli animali

Sorge un dubbio gli animali sono quelli all’interno dello zoo o quelli che stanno oltre le reti o i cristalli protettivi. Se avete visitato recentemente uno zoo forse vi sarete fatti la stessa domanda. Le due fazioni che si contrappongono sul se sia moralmente ed eticamente accettabile tenere animali in cattività o liberarli sono in perfetto stallo. Da un lato chi grida liberateli e basta !, dall’altro chi teorizza che in realtà gli zoo stiano aiutando la sopravvivenza degli animali. Ha senso tenere aperti gli zoo?

Benessere, Enogastronomia

Sta cambiando l’attenzione verso gli animali

Sempre più protagonisti perché il loro benessere sta a cuore ai consumatori

La pubblicità è attenta ai desideri dei consumatori, perciò non stupisce che il modo in cui gli animali diventano protagonisti sia cambiato. Sempre più curati e coccolati, perché la mentalità dei consumatori è mutata. Le campagne di animalisti e vegani hanno inciso parecchio sul modo di rapportarsi con i metodi di allevamento. Cambia l’attenzione verso gli animali.