Benessere, Enogastronomia

Spreco alimentare, la giornata nazionale

Il 5 febbraio è la giornata dedicata alla comprensione dell’immenso spreco alimentare

Non è più una novità ma ancora c’è tantissimo lavoro da fare. La media degli alimenti sprecati pro-capite ogni anno è di 65 chilogrammi. Troppi! La preoccupazione aumenta se si tiene conto che la maggior parte dello spreco è riservato a frutta e verdura. I due alimenti più importanti ai fini della salute e del benessere umano. Quelli che apportano più Vitamine e Sali minerali. Spreco alimentare, la giornata nazionale

banner dal Marcante 1758

Italia tredicesima

L’Italia è al tredicesimo posto tra le nazioni che hanno maggiore spreco durante i vari passaggi che vanno dalla produzione sino alla tavola. Ci sono alcuni semplici consigli che possono aiutare a ridurre questa enorme quantità di cibo che non arriva nei nostri piatti. La lotta contro questa emergenza è molto differente sul nostro territorio, le grandi città sono forse quelle che sono più attive nel recupero e ridistribuzione del cibo non consumato. Aumentano le associazioni che si occupano di ritirare l’invenduto, il non consumato o gli alimenti in scadenza. Lodevoli attività che però sarebbe meglio limitare alla base, evitando di buttare cibo ancora perfettamente edibile.

banner dal Marcante 1758
spreco alimentare la giornata nazionale

Un piccolo aiuto

consigli che a volte sembrano troppo semplici e lapalissiani, possono aiutare i più distratti. Sicuramente una spesa più oculata è l’elemento principale. Se si acquista con un poco di avvedutezza si possono risparmiare parecchi soldi. La media stimata per le famiglie più accorte è di 450 euro annuali risparmiati. Fate una lista precisa e attenetevi solo a quella. Cercate di andare a fare acquisti dopo aver mangiato, gli stimoli comandati dallo stomaco, saranno minori ed eviterete di far esplodere il carrello.

Quantità giusta

In cucina è bene imparare a dosare la giusta quantità, il surplus che resta nel piatto o nella teglia non è una scelta vantaggiosa. Se restano avanzi, occorre riciclare, impariamo dalla cucina delle nonne a dare nuova vita a ciò che rimane. Se non c’è la necessità di cucinare per più pasti, è sempre meglio cucinare solo quello che si consumerà. Riproporre lo stesso piatto, senza aggiornarlo, è noioso. Il rischio che al terzo tentativo non sia più appetibile, diventa altissimo.

spreco alimentare la giornata nazionale

Etichette, scadenze e App

Controllate le scadenze, mettete in primo piano le cose più vicine alla data utile. Privilegiate i produttori locali per gli acquisti di frutta e verdura, e i freschi in generale. Se amate il cibo già preparato attivate le app che vi indicano dove trovare formule anti-spreco. Molti ristoranti offrono la possibilità di sconti elevati per i loro piatti del giorno non consumati.

Socializzate

Se avete preparato in abbondanza, come capita soprattutto nelle festecondividete. Invitate amici, parenti e vicini, organizzate cene o fate scambi alimentari. In questo modo nulla finirà nel bidone e rinsalderete i rapporti, cosa sempre utile. Scambiate ricette soprattutto per le rielaborazioni dei piatti, non lasciate morire l’antica tradizione nazionale del saper riproporre. Spreco alimentare, la giornata nazionale

spreco alimentare la giornata nazionale

Credits: all pics from the net

Summary
Spreco alimentare la giornata nazionale
Article Name
Spreco alimentare la giornata nazionale
Description
Spreco alimentare la giornata nazionale contro l'uso folle del cibo soprattutto frutta e verdura, come riutilizzare al meglio la nostra tradizione alimentare
Author
Publisher Name
Oficina
Publisher Logo

Lascia un commento