Benessere, Viaggi

Sarà Pejo la prima ski area plastic free al mondo.

sarà Pejo la prima ski area plastic free

Nessuno ancora aveva tentato un obiettivo tanto ambizioso. “Preservare la montagna per chi ci seguirà”

Un intero comprensorio sciistico liberato dalla plastica, dalla cannucce, alle stoviglie, alle bottigliette. Ogni oggetto di plastica nel comprensorio Pejo 3000 è bandito. Il buon esempio lo daranno le strutture sciistiche, le piste, i rifugi, i ristoranti, per poi estendere la stessa scelta al fondovalle. Una delle principali sorgenti dell’inquinamento viene così a mancare e permetterà di salvaguardare l’ambiente alpino per le prossime generazioni. Sarà Pejo la prima ski area plastic free al mondo.

banner dal Marcante 1758

La scienza ha dato il via

Un’indagine dell’Università Bicocca di Milano ha individuato una grande quantità di nanoparticelle plastiche sul ghiacciaio Forni. Quasi la stessa quantità contenuta nei mari europei. Era del resto immaginabile che la presenza umana avrebbe inciso uniformemente in tutte le località frequentate. C’è la concreta possibilità che le nanoparticelle presenti in alta montagna vengano rilasciate ancor più lentamente che nei mari. La loro presenza nella catena alimentare diventa così ancor più estesa nel tempo.

Crucolo
sarà Pejo la prima ski area plastic free

L’esempio stimolante

Pejo 3000 spera che l’esempio positivo della sua azione serva come stimolo a molti altri comprensori e divenga usuale per tutto l’arco alpino. La recente direttiva europea sulle plastiche è stata così presa alla lettera, per “liberare” il complesso sciistico. L’economia della valle è basata sul turismo, ed un uso qualificato delle risorse, porterà benessere non solo agli attuali gestori, ma anche alle future generazioni. Essere i primi al mondo a realizzare questa scelta è anche, un’ottima leva pubblicitaria per la località.

Una serie di tappe intermedie

L’APT ha fatto svolgere un’indagine per formulare una strategia, che fosse utile per l’area dedicata allo sci, ma anche per tutta la Val di Sole. Un progetto che non fosse l’ennesimo tentativo di greenwashing e che ha preso la sua direzione. Proprio per il fatto di essere una località perfetta per le settimane bianche. Ottima per le famiglie con figli, che possano trarre esempio dalle buone pratiche, e le estendano anche nelle attività quotidiane.

sarà Pejo la prima ski area plastic free

Iniziare dalle buone pratiche

La stagione sta per iniziare, nei rifugi non saranno distribuite bibite e acqua in bottigliette di plastica o altri oggetti monouso in plastica. Ad accompagnare i cibi, non ci saranno più le bustine di maionese e ketchup, e nemmeno le cannucce. Per aiutare i turisti a comprendere l’iniziativa verrà svolta un’opera di sensibilizzazione, grazie a pannelli informativi. I turisti verranno informati delle scelte del comprensorio, ed invitati a portare a valle tutti i rifiuti, proprio a partire da quelli plastici.

Pejo rinnovabile

L’operazione plastic free fa parte di un contesto più ampio. Pejo sta già utilizzando energia rinnovabile, grazie a tre piccoli impianti idroelettrici, il consumo è inferiore all’energia prodotta, quindi l’eccedenza viene immessa in rete. Un contributo alle risorse nazionali di energia. Per il riscaldamento utilizzano un impianto di teleriscaldamento che utilizza gli scarti boschivi. Per l’innevamento artificiale utilizza solo acqua di recupero. I gatti delle nevi verranno prossimamente sostituiti da mezzi ibridi. I rifugi stanno per ottenere una certificazione per la riduzione dell’impatto ambientale. Sarà Pejo la prima ski area plastic free al mondo.

sarà Pejo la prima ski area plastic free

Summary
Sarà Pejo la prima ski area plastic free al mondo
Article Name
Sarà Pejo la prima ski area plastic free al mondo
Description
Sarà Pejo la prima ski area plastic free al mondo tutto il comprensorio bandirà la plastica a partire da bottigliette d'acqua, stoviglie cannucce è monouso
Author
Publisher Name
Oficina
Publisher Logo

Lascia un commento