Abitare, Benessere

Puoi vivere qui solo se non possiedi l’auto

Puoi vivere qui solo se non possiedi l’auto

In Arizona stanno costruendo un nuovo quartiere, che è destinato solamente a chi non possiede un’auto

Si chiama Culdesac, e sarà il primo quartiere completamente senz’auto ad essere costruito negli USA. È una rivoluzione più importante di quanto possiamo immaginare. Le comunità statunitensi si basano sull’autonomia personale. L’auto è il mezzo di trasporto essenziale per quello stile di vita. Vivere senza una macchina sembra inconcepibile, eppure questo nuovo quartiere metterà alla porta chiunque ne voglia possedere una. Puoi vivere qui solo se non possiedi l’auto

banner dal Marcante 1758

Solo 1000 abitanti

L’insediamento è destinato per ora a sole 1.000 persone che hanno cominciato a trasferirsi a Culdesac sei mesi fa. I costruttori sono convinti di poter offrire una vita a misura d’uomo, senza autovetture. Nei normali piani di urbanizzazione ci sono un certo numero di parcheggi in proporzione al numero di abitanti. Ma in questo caso non sono previsti parking in relazione ai residenti. Chi vuole vivere lì deve rinunciare ad avere tra le mani un volante. Più spazio agli umani e meno ai veicoli è il dogma su cui è stata pensata questa urbanizzazione.

banner dal Marcante 1758
Puoi vivere qui solo se non possiedi l’auto

Post auto

Lo chiamano orgogliosamente il primo insediamento post-auto del mondo. Forse c’è un po’ troppa boria in questa dichiarazione e si dimenticano che in alcuni paesi europei quel tipo di quartiere già esiste. Ma gli americani amano riferirsi a sé stessi come l’unica realtà possibile. Dimenticano pure che in altre località vivono tutti senz’auto perché non possono mantenerla o acquistarla. In ogni caso il progetto è già decollato e prevede ristoranti, negozi, palestre, parchi per umani e per cani e tanti marciapiedi e corsie per bici. Molti spazi collettivi, cafè, e luoghi dove si possa effettuare co-working. I collegamenti con l’esterno sono assicurati da una metropolitana leggera di superfice. La cittadina più vicina è Tempe e con la stessa metro si possono raggiungere l’aeroporto e l’Università Statale dell’Arizona.

Emergenze servite

Negli Stati Uniti è impensabile non avere tutti i servizi a disposizione di veicoli a motore. Perciò anche se i residenti dovranno astenersi dal guidarne uno proprio, ci saranno veicoli che potranno transitare. Ambulanze, pompieri, servizi di consegna a domicilio avranno sempre accesso. All’esterno del quartiere verranno installate aree dove scambiare veicoli per chi deve viaggiare in luoghi non raggiunti dalla metropolitana. Saranno in car-sharing e la previsione è che la flotta sarà completamente elettrica.

Puoi vivere qui solo se non possiedi l’auto

Visite dagli amici

Chi vuole visitare il quartiere, dovrà lasciare le auto nei parcheggi esterni, poiché non ci saranno vere e proprie strade in asfalto. Anche i ristoranti e i negozi avranno piccole aree di parcheggio, perché anche chi non risiede nel quartiere possa usufruirne. L’intenzione però è di costruire un agglomerato che assomigli più ad un parco con case incluse, che ad una comune cittadina dell’Arizona. I costruttori contano di poter sfruttare meglio gli spazi rispetto alle urbanizzazioni consuete. I parcheggi, interrati, elevati o a silo occupano fino al 40% dello spazio, eliminando l’opzione auto, quello spazio viene liberato per altre abitazioni ed attività.

A misura di bambini e bici

Uno dei desideri degli ideatori è di avere un quartiere più a misura di bambini e biciclette. Con ritmi più blandi e la gradevolezza di molto verde e minore soglia sonora. Un miglior rapporto di vicinato, e una maggiore sicurezza stradale. Il concetto è semplice, bandire le auto per vivere meglio e con meno stress. L’idea in realtà è nata copiando alcune realtà europee come Copenaghen, Oslo, Friburgo. Resta però la prima nella realtà statunitense, dove l’auto sembra così necessaria in qualunque momento. Culdesac sperano che diventerà un esempio per molte altre comunità, una realtà da copiare o migliorare, ma soprattutto da diffondere.

Puoi vivere qui solo se non possiedi l’auto

Molte richieste

Sono già moltissime le richieste per risiedere a Culdesac. I moduli abitativi sono abbastanza compatti per le realtà statunitensi ed i prezzi saranno competitivi. Il progetto successivo è quello di ampliare il discorso. Ovvero costruire un’intera città molto più grande ma con le stesse regole base di questo quartiere. L’obiettivo è quello di creare un luogo in cui tutti possano accedere a posti di lavoro e servizi, senza sentirsi obbligati a possedere un’auto. Alcune persone potrebbero ancora scegliere di possedere un’auto, ma la struttura della città sarebbe impostata per consentire uno stile di vita senza vetture. Con moltissimo verde e spazi comuni di cui usufruire. I progetti verranno studiati anche con i consigli di sanità, polizia e vigili del fuoco, per ottenere che la sicurezza di ogni modulo abitativo sia ottimale. Puoi vivere qui solo se non possiedi l’auto

Puoi vivere qui solo se non possiedi l’auto

Credits: all rendering courtesy of Culdesac

Summary
Puoi vivere qui solo se non possiedi l’auto
Article Name
Puoi vivere qui solo se non possiedi l’auto
Description
Puoi vivere qui solo se non possiedi l’auto, in Arizona un nuovo quartiere dove la qualità della vita è migliore senza vetture
Author
Publisher Name
Olab
Publisher Logo

Lascia un commento