Abitare, Benessere

Pianta un melo antico e salva il mondo

pianta un melo antico e salva il pianeta

Troppe specie sono a rischio di scomparsa

Stiamo selezionando troppo. Solo le specie più produttive e facili da coltivare vengono incoraggiate. Il rischio è che tantissime piante e vegetali utilizzate per l’alimentazione scompaiano. Per questo potremmo lanciare la campagna pianta un melo antico e salva il mondo. 

Crucolo

Molti frutti oggi considerati rari, ma di grande qualità, vengono dimenticate perché il mercato è drogato dai pochi cultivar più richiesti. Gli agricoltori sono ovviamente interessati a guadagnare e quindi puntano su specie facili e molto richieste.

Agraria Riva del Garda

La coltivazione meccanizzata taglia fuori la biodiversità

Questo taglia fuori tutta una serie di piante, vegetali, cereali, ortaggi, ritenuti troppo di nicchia. La coltivazione meccanizzata non consente di avere impianti arborei misti per la difficoltà di tarare le macchine che non sanno distinguere come operare. La presenza di biodiversità contribuisce alla salute delle stesse piante. Ma è il consumatore che inconsapevolmente distrugge le varietà meno produttive. Con le sue scelte d’acquisto impone che avvenga una massificazione.

I presidi sono l’ultimo baluardo

Restano solo i presidi come Slow Food a difendere le varietà oggi ritenute rare o meno vantaggiose. Ovviamente tutte le specie che comprendano una manualità umana nelle coltivazione sono svantaggiate. Il costo della mano d’opera è troppo alta. Chiunque svolga agricoltura in modo massivo tende a ignorare tutti i prodotti che facciano “perdere tempo“. Quelli che sono troppo precoci o troppo tardivi (serotini sarebbe il termine corretto). O che non presentano un formato uniforme o necessitano di una selezione ulteriore dopo la raccolta. Quelli che hanno problemi di conservazione, refrigerazione o trasporto o sono troppo delicati.

pianta un melo antico e salva il pianeta

I sapori dimenticati delle coltivazioni di nicchia

Eppure il piacere di riscoprire qualche sapore dimenticato, o inusuale, non ha prezzo. Lo sanno bene le micro-aziende, solitamente governate da giovani entusiasti, che hanno spostato il loro interesse su coltivazioni di nicchia. Prodotti che sono diversi da quelli della grande distribuzione, ricercati proprio per la loro unicità/rarità. Che siano coltivazioni biologiche o meno poco importa, purché le coltivazioni del passato vengano salvate e propagate. Se volete partecipare alla salvezza del pianeta e della biodiversità piantate un melo antico. O un pero, un susino o un albicocco o qualunque frutto o vegetale che non trovereste mai al supermercato sotto casa.

Il rapporto FAO è catastrofico illustra prove preoccupanti rispetto al danno irreversibile sulla biodiversità del nostro pianeta, in particolare quella legata al cibo. A noi piace pensare che nei prossimi 10 anni, dati come limite per fermare o rovesciare questa situazione, si troveranno soluzioni. Perciò sia che abbiate un pezzetto di terreno o un giardino, un balcone o anche solo un vaso, piantate qualcosa. Meglio se è una essenza rara o che sarebbe destinata a scomparire. Partecipiamo tutti al pianta un melo antico e salva il mondo.

pianta un melo antico e salva il pianeta


Summary
Pianta un melo antico e salva il mondo
Article Name
Pianta un melo antico e salva il mondo
Description
Pianta un melo antico e salva il mondo cerchiamo di salvare le essenze che stanno diventate rare e potrebbero sparire perché il mercato non le richiede
Author
Publisher Name
Oficina
Publisher Logo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *
Il commento sarà pubblicato solo dopo l'approvazione da parte del nostro staff.