Benessere, Eventi

Mi son preso una cotta e non so che fare

mi son preso una cotta e non so che fare

A Primavera i sentimenti si scatenano

Comincia come uno scherzo, ma prende tutta la tua attenzione. Aumentano le pulsazioni, tutto sembra non avere più senso o interesse tranne, dov’è lui/lei? Consulti il telefono mille volte in attesa di quel messaggino, quel buongiorno che ritarda ti getta in ansia. Vedi cose patinate di rosa e che in realtà non esistono. Chi ti conosce pensa che sei uscito di cervello. E’ un flirt o è qualcosa di più? Mi son preso una cotta e non so che fare. Mi sbatto tra gioia e stress. Sono impazzito?

banner dal Marcante 1758

 Niente paura non possiamo controllarla

Non siamo noi a regolarla, è il nostro cervello a comandare. Si attiva la parte “limbica” quella che regola il battito del cuore e la frequenza del respiro. E’ da lì che viene regolata la dopamina. Quella costante eccitazione che ci fa sentire le farfalle o le ranocchie nello stomaco è dovuta a lei. La dopamina è la sostanza che controlla il piacere e tutti gli aspetti che ci regalano benessere. E’ anche quella che ci fa cadere nelle tossicodipendenza. Quindi, è inutile spaventarsi davanti all’inevitabile, prendere una cotta ci fa bene. E’ una droga completamente naturale e gratuita, perché negarcela?

Agraria Riva del Garda

 Il bisogno di sentirci vivi e interessanti 

Le cotte stimolano il nostro bisogno di sentirci vivi e interessanti. Ci fanno immaginare nuovi scenari e trovare aspetti che abbiamo ignorato per un po’. I sentimenti arrivano in primo piano e almeno per un po’ comandano loro. E’ una situazione liberatoria, soprattutto se la routine ci va stretta, sia sul lavoro che in famiglia. Per un periodo mettiamo da parte ciò che potremmo perdere e pensiamo solo all’oggi, all’immediato. E’ dannatamente liberatorio provare le emozioni di un dodicenne. Quelle vibrazioni e quei palpiti sono una vera scossa che rimette in discussione molte delle certezze che ci siamo costruiti. Vale la pena di rileggerle con occhi nuovi 

mi son preso una cotta e non so che fare

Non negare i segnali possono essere rivelatori

Sono segnali rivelatori, non neghiamoli, possono dire molto su quello che veramente desideriamo. Che non è solo sesso, ma il desiderio di sentirsi attraenti, in qualche modo unici per qualcuno. Sviluppare una cotta su qualcuno è probabilmente una delle cose più sane che possiamo fare per noi stessi. E’ un massaggio dell’ego di cui avevamo bisogno per uscire dalle gabbie in cui ci eravamo cacciati da soli. 

Passerà? Forse, ma la scossa c’è stata. 

Sono destinate a passare le cotte, oppure a trasformarsi in qualcosa di più stabile e concreto. In ogni caso, anche se può sembrare strano visto che tutto è rosa, ci hanno aperto gli occhiLe emozioni che si vivono e i fremiti che ci hanno scosso, sono un regalo. Prendiamoli per tali e prepariamoci a rientrare nei ranghi dopo la sbollitura. Oppure restiamo a disposizione per la prossima fantastica cotta. Tanto da domani è di nuovo Primavera. Non c’è niente come la sensazione di piacere a qualcuno, niente può eguagliarlo. È speciale, ed è una delle cose migliori che puoi fare per la tua felicità. Dai retta alle tue pulsioni è l’Equinozio a ordinarlo.

mi son preso una cotta e non so che fare

Summary
Mi son preso una cotta e non so che fare
Article Name
Mi son preso una cotta e non so che fare
Description
Mi son preso una cotta e non so che fare,l'innamoramento fa bene è una droga naturale e non possiamo controllarlo. Domani è Primavera!
Author
Publisher Name
Oficina
Publisher Logo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *
Il commento sarà pubblicato solo dopo l'approvazione da parte del nostro staff.