Eventi

Lavoratrici del sesso in cassa integrazione

lavoratrici del sesso in cassa integrazione

Cambiano le abitudini degli italiani per la quarantena e ci sono curiose novità che riguardano la malavita e l’appeal erotico

Il caso del maschio italiano fermato dalla polizia perché in giro in auto in cerca di sesso a pagamento e rimandato a casa, ha sollevato curiosità. In effetti per le operatrici del sesso è un momento di calma piatta. Solo chi svolge la professione al chiuso o di giorno ha pochissime possibilità di esercitare. Resta il deterrente di dover compilare la auto-certificazione e alla voce della causa per l’uscita di casa, probabilmente molti tenteranno di lasciare in bianco. O molto più probabilmente finiranno in bianco. Lavoratrici del sesso in cassa integrazione

Pian delle Vette - azienda agricola

La tragedia degli amanti

Questo è il momento in cui i rapporti non ufficiali sono messi alla prova. Gli amanti non possono uscire ed incontrarsi se non per stretta necessità. Mentre si è in casa per lo smart working è difficile nascondere i messaggini amorosi agli occhi della controparte. Anche darsi un fuggevole appuntamento è complicato, tocca fissare un rendez-vous davanti alla farmacia o all’ufficio postale. Vedersi, senza potersi ufficialmente toccare nemmeno un dito, ma almeno ci si può messaggiare. Impossibile poi consumare se non nei bagni del supermercato dopo aver messo a punto l’orario esatto in cui farsi trovare alla Esselunga o alla Coop.

Pian delle Vette - azienda agricola
lavoratrici del sesso in cassa integrazione

Scherzando ma non troppo

I battutisti si sono scatenati sull’argomento preventivando che il fai-da-te forzato per almeno tre settimane porterà ad un superlavoro degli ottici. Altri prevedono che il contatto costante con il/la coniuge porterà ad un aumento delle cause per divorzio, appena si potrà uscire. Gli avvocati si preparano ad un superlavoro degno di quello attuale del corpo sanitario. Anche i tribunali sono molto preoccupati, temono di non riuscire mai più a rimettersi in pari, vista i ritardi pregressi. La proposta è di fare divorzi cumulativi per alleggerire il lavoro dei magistrati e delle cancellerie.

Piccola malavita in difficoltà

Anche se le forze dell’ordine sono impegnate nei controlli dei cittadini che vogliono uscire di casa, si registrano diminuzioni di criminalità. I ladri d’appartamento non possono agire, visto che ogni casa rimane sempre abitata giorno e notte. Nonostante le celebri doti di fantastici equilibristi, dei ladruncoli slavi o georgiani, scalare balconi e salire dalle grondaie non porta risultati. Resteranno a casa a ripulire gli attrezzi per lo scasso o a studiare nuove tecniche per aprire le porte.

lavoratrici del sesso in cassa integrazione

Pusher desolatamente soli

Anche la cessione di stupefacenti diventa complicata. Le aree di spaccio stanno trovando difficoltà, nessun cliente in giro e controllo da parte delle forze dell’ordine aumentato. Un crollo del mercato che segue quello di ogni altra forma di commercio. Per evitare il collasso i pusher si sono organizzati con commesse telefoniche e consegne a domicilio. Resta il problema dell’essere visibili a chiunque e dei numeri dei clienti che restano nei telefoni. Anche il gioco d’azzardo vista l’impossibilità di creare assembramenti è in crisi. La distanza minima di un metro non aiuta a mettersi attorno ad un tavolo da gioco.

Un periodo di resistenza

Le prostitute provano a immaginare di andare in cassa integrazione anche senza contratti di settore. Intanto si rammaricano perché finalmente le polveri sottili nelle città sono crollate e il loro ambiente di lavoro sarebbe finalmente più sano. Non possono approfittarne e anche se prevedono una ripresa molto effervescente, appena finirà l’emergenza, sicuramente l’inquinamento risalirà in modo altrettanto vigoroso. È un periodo di resistenza, all’ammanco degli incassi e anche di piaceri della carne che accomuna domanda e offerta. Lavoratrici del sesso in cassa integrazione

lavoratrici del sesso in cassa integrazione

Credits: pics by PxHere

Summary
Lavoratrici del sesso in cassa integrazione
Article Name
Lavoratrici del sesso in cassa integrazione
Description
Lavoratrici del sesso in cassa integrazione per l'impossibilità di esercitare, tutta la piccola malavita in crisi, ladri, spacciatori, giocatori d'azzardo
Author
Publisher Name
Oficina
Publisher Logo

Un pensiero su “Lavoratrici del sesso in cassa integrazione”

Lascia un commento