Eventi

Il guizzo inatteso delle sardine

il guizzo inatteso delle sardine
sardine in Piazza grande a Modena

Un pescetto anonimo, indifeso, che fa del branco la sua forza, assurto a simbolo di socialità.

Quello che non ti aspetti sta accadendo, nella piazza della tua città. Una entità poco visibile come l’elettore medio prende corpo e lo fa in un modo sinora dimenticato. Le piazze teatro di tante rivolte, manifestazioni, sommosse, comizi, giudizi sommari, riprendono voce e vigore. Nell’era del social dove tutto si comunica in rete, gli elettori medi tornano a frequentarsi e a vedersi fisicamente. A toccarsi, gomito contro gomito, come sardine sott’olio. È la rivincita dell’etica e della morale alle soluzioni sovraniste e razziste. Il guizzo inatteso delle sardine

Crucolo

Bisogno di avere una fisicità

Dopo aver esplorato ogni tipo di comunicazione in rete, è esplosa questa voglia di toccarsi. Di essere in tantissimi nello stesso luogo, per dare voce ad un disagio. Per contrapporsi ad un pensiero unico, che vorrebbe i luoghi pubblici riservati solamente a chi strilla ed alimenta paure. Il “crescentone” di Piazza Maggiore s’è animato in poche ore grazie ad un invito su Facebook, ed ha dato il via agli eventi sociali.

Pian delle Vette - azienda agricola
il guizzo inatteso delle sardine

Il passa parola

Il passa parola ha fatto il resto. Erano oltre 10.000 (qualcuno si spinge fin quasi a 15.000) Bologna ed erano 7.000 a Modena lunedì, sotto la pioggia. Una marea di ombrelli ha coperto Piazza Grande ed ora il fenomeno si espande a macchia d’olio. Torino indice la sua giornata delle sardine e in poche ore s’iscrivono in 20.000 persone, i famosi elettori medi, quelli che un tempo erano la maggioranza silenziosa ed ora parla.

Non irregimentati

Ognuno porta il suo mattoncino per costruire qualcosa di nuovo. Ciò che è più spiazzante per la destra è l’impossibilità di dare una vera fisionomia al fenomeno delle sardine. Non sono etichettabili, non si possono identificare con un solo partito politico. Non sono solo gli antagonisti “idioti” dei centri sociali come ha tentato di indicarli l’ex primo ministro. Sono migliaia di’elettori che finalmente escono di casa e in modo divertente, creativo e critico vogliono esprimere la loro protesta contro il pensiero unico.

il guizzo inatteso delle sardine
Crescentone-Bologna

Quella che si definiva la gente

Politicamente, a seconda che facesse comodo o meno la si definiva con un certo disprezzo la gente. Ora quella stessa gente sta dimostrando di saper avere opinioni diverse. È la sua apartiticità, il suo non essere per questo o quel gruppo, a dare una dimensione interessante al fenomeno. Durerà questa indignazione? Verrà in qualche modo assorbita, o resterà indipendente? È nell’indipendenza la sua forza, la capacità di guizzare come una sardina e non lasciarsi catturare, la rende interessante. Il guizzo inatteso delle sardine

il guizzo inatteso delle sardine

Credits: all pics from the net

Summary
Il guizzo inatteso delle sardine
Article Name
Il guizzo inatteso delle sardine
Description
Il guizzo inatteso delle sardine, l'elettore medio, la maggioranza silenziosa, riprende voce, esce dall'ambito social e esprime il suo disagio fisicamente
Author
Publisher Name
Oficina
Publisher Logo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *
Il commento sarà pubblicato solo dopo l'approvazione da parte del nostro staff.