Abitare, Benessere

Dirigenti pensionati per decreto in tracollo emotivo

dirigenti pensionati per decreto in tracollo emotivo

L’improvviso ridimensionamento delle funzioni dei work-aholic ha fatto saltare molte convinzioni e creato disagio nei manager e capitani d’azienda

Per chi è passato da 15 appuntamenti e riunioni settimanali a zero, in un solo giorno, è stato un vero salto nel baratro. Persone convinte di essere il cardine su cui si poggia il mondo si son trovate perdute tra cucina, salotto e balcone a farsi dettare i ritmi da mogli o mariti. Le agende cartacee o elettroniche malinconicamente vuote o dimenticate da qualche parte. Il telefono sempre pronto a squillare è diventato improvvisamente muto, e le uniche chiamate sono quelle dei parenti che cominciano inevitabilmente con “Come state?” Dirigenti pensionati per decreto in tracollo emotivo

Pian delle Vette - azienda agricola

Stiamo spaesati

La risposta ideale sarebbe “Stiamo bene ma spaesati”, ma i parenti non capirebbero quanto il cambio di ritmo e lo svuotamento delle funzioni possa essere pesante. Passare da mille incombenze finanziarie, fiscali, bancarie e i rapporti coi dipendenti, a fissare lo schermo della tv sembra irreale. Chiedersi come possa avere qualche interesse il calderone dello scemenzaio delle tv generaliste resta un mistero irrisolto. È il momento ideale per leggere, ma la condizione di costrizione, toglie anche quel piacere che per anni ci siamo negate, costrette a ritagliare 10 minuti qua e là per sfogliare le pagine di un libro.

banner dal Marcante 1758
dirigenti pensionati per decreto in tracollo emotivo

Pranzo, cena e

Abituate ad un panino consumato in piedi, per non perder tempo, e attente a non sbavare il rossetto, ci troviamo a dialogare con le padelle. Ad organizzare pranzo e cena cucinando finalmente lentamente. A ripassare ogni angolo della casa con i migliori detergenti e prodotti disinfettanti. Scoprire i ritmi della casalinga disperata, che ha giù spolverato tutto, lampadari compresi e sta pensando che in fondo anche la grondaia avrebbe bisogno di una lucidatina. Da iper-impegnata a pensionata per decreto, senza passare dal via. Organizzare la vita di tutti i famigliari, cagnolino compreso, sembra interessante, ma il sogno s’interrompe alla prima obiezione o al massimo al secondo “ma và…”

La noia ammorbante

Rintuzzate tutte le idee di pianificare le azioni di chi ci sta vicino, ridotte le ore dedicate a trucco e parrucco, tanto chi ci guarda, comincia ad arrivare la noia. Dormiamo di più, i primi due giorni è stata una gioia, c’era tanto sonno pregresso da smaltire. Poi man mano diventa un effetto risveglio prolungato, che dura fino a mezzogiorno. Il pigiama diventa il nuovo tailleur e le pantofole han preso il posto del tacco. I capelli mostrano la ricrescita e cominciamo a capire cosa sia la sciatteria. L’impegno più gravoso è contare le piastrelle del bagno o le tegole della casa di fronte. Dopo aver rimesso in ordine tutti i cassetti, armadi, librerie, solai e cantine, arriva lo sconforto. Rileggere tutti gli ultimi messaggi nella vana speranza che ce ne sia sfuggito uno, per poter mandare uno straccio di risposta, si rivela infruttuoso. Depressione in agguato.

dirigenti pensionati per decreto in tracollo emotivo

La forzata inattività

Dopo poco più di una settimana la qualifica di pensionati coatti comincia a farsi strada. Facile, a questo punto, cominciare a pensare a come sarà quando arriverà il momento del pensionamento reale. Un sacco di tempo libero da riempire, da dedicare a se stessi. Quello che non si è mai avuto sinora e su cui si favoleggiava, adesso fa paura. Arriva il timore di trasformarsi nella Signora Pina, la vicina che vive di soap opera, che si beve le idiozie sparate dalle Barbare D’Urso del momento. Una vita spesa così, no, non può essere un degno finale, meritiamo di meglio. Ridateci il telefono che squilla 20 ore al giorno e 300 email da evadere in 30 minuti, ridateci le riunioni noiose fino alla morte, ma fateci sentire di nuovo attivi.

Sentirsi inutili

Il corpo è qui sul divano ma la mente corre all’azienda, al dopo. Cosa accadrà? In quanto tempo usciremo da questa buca? Le ripercussioni finanziarie e organizzative di questa crisi danno la sensazione di impotenza assoluta. L’impegno di #iorestoacasa non basta a calmare le preoccupazioni. Siamo abituati a prendere in mano le situazioni, ma ora non riusciamo a intervenire, non riusciamo a progettare e indirizzare il nostro futuro. Nel breve ma anche nel lungo periodo, che ripercussioni avranno le nostre scelte? Nessuno purtroppo ha la sfera di cristallo, tocca aspettare per vedere come evolve.

dirigenti pensionati per decreto in tracollo emotivo

Funziona lo smart working

Ci sarebbe da valutare quanto funziona lo smart working, per capire se le infrastrutture del paese potrebbero reggere. Le notizie non sono rassicuranti. Come non lo sono quelle riguardanti il comparto bancario. Riscuotere un assegno o fare un pagamento è una impresa che impiega ore e ore, tutto troppo lento e farraginoso. Siamo maledettamente in ritardo rispetto a molti altri paesi. Torna il timore di aver lavorato intensamente per nulla. Dopo aver combattuto per uscire dalla crisi del 2008 sembra che tutto sia tornato a quegli anni. Unica certezza, nulla sarà come prima, ci sarà da ripensare a molte scelte strutturali e non solo in Italia.

Sfida aperta

Sono ancora molti gli anni da passare in azienda prima di trasformarci nella Signora Pina, la sfida è ripartire con la stessa voglia. Questa palata nei denti del pensionamento forzato forse ci farà aprire gli occhi. Comprendere che se vogliamo riprendere il nostro percorso ci sarà da rimboccarsi le maniche e mettere tanta energia e idee. Nulla potrà restare simile al passato, serve un innovativo sforzo culturale. Vogliamo tornare a dichiararci vittime del super lavoro e non dello spolvero e dell’Amuchina. Dirigenti pensionati per decreto in tracollo emotivo

dirigenti pensionati per decreto in tracollo emotivo

Credits: Pics by PxHere

Summary
Dirigenti pensionati per decreto in tracollo emotivo
Article Name
Dirigenti pensionati per decreto in tracollo emotivo
Description
Dirigenti pensionati per decreto in tracollo emotivo da forzata inattività dopo aver cucinato pulito casa cantina e solai arriva la depressione da inutilizzo
Author
Publisher Name
Oficina
Publisher Logo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *
Il commento sarà pubblicato solo dopo l'approvazione da parte del nostro staff.