Benessere, Enogastronomia

Digiuno estremo: la nuova ossessione americana

Digiuno estremo: la nuova ossessione americana

Pochi dati positivi e molti pericoli

Digiuno estremo, cos’è? Una dieta? Una religione? Una missione? Un rito di purificazione? Una filosofia di vita? Una roba da ricchi annoiati? Per definirlo nella Silicon Valley usano il termine biohacking un termine traducibile con “attacco alla vita”.

banner dal Marcante 1758


Una parola che serve per auto convincersi che il corpo possa essere, se giustamente “attaccato”, ottimizzato. Piegato alle esigenze e ai ritmi di lavoro. Una follia made in USA, che ci ha da tempo abituato a mode passeggere in campo alimentare. Mangiare è così demodè dicono, ora tutti i ragazzi fanno il digiuno estremo. Una realtà che è in forte aumento di popolarità negli ultimi anni.

banner dal Marcante 1758

Qualche celebrità se ne vanta

Alcune celebrità si vantano di effettuarlo. Come il CEO di Twitter Jack Dorsey, ad esempio. Ha twittato il mese scorso “Comincerò a digiunare per un po ‘di tempo.” Dorsey ha spiegato che lo avrebbe fatto per sole “22 ore al giorno” (si concedeva la cena). “Recentemente ho fatto 3 giorni di sola acqua“. Il miliardario twittò che la cosa principale che aveva notato dopo essersi privato del cibo era un grande rallentamento del tempo. “La giornata sembra molto più lunga quando non è scandita da colazione / pranzo / cena. Qualcun altro ha provato la stessa esperienza? 

 Si chiama anoressia e non digiuno

Certo che l’abbiamo provata. Soprattutto da adolescenti, e si chiama anoressia quell’esperienza. Non è stata affatto divertente. Ed ha rovinato la salute a parecchie persone, che han faticato moltissimo a riprendersi. Qualsiasi comportamento alimentare che coinvolga delle restrizioni o regole troppo rigide è pericoloso, e andrebbe fermato. Può essere un serio precursore dei disturbi alimentari.

 Regimi resi affascinanti da buona stampa

Questi regimi vengono resi affascinanti, in particolare nella Silicon Valley, la parte della California del Nord. E’ qui che un certo numero di tecnici di alto profilo inseguono i supposti  benefici del digiuno estremo. I comportamenti compulsivi associati ai disturbi alimentari, vengono controllati tramite applicazioni tecnologiche. Il monitoraggio ossessivo del consumo calorico e dell’esercizio fisico, vengono misurati dalle app per il fitness tracking. L’etica di iper-prestazioni della Silicon Valley costringe ad un costante auto-esame dei propri valori che diventa compulsivo. 

digiuno-estremo

Morti di fame e iper-produttivi

Costringersi a morire di fame e darsi regole rigide e rituali su quando e come si mangia, diventa un problema quando sono le ragazze adolescenti a farlo. Quando invece sono i tecnocrati a farlo, viene trattato in modo molto diverso. In effetti, sembra che la Silicon Valley stia riformulando e proponendo i disordini alimentari con una valenza positiva. Le notizie sulla pericolosità vengono ignorate, mentre si cerca di dare un approccio positivo ai risultati ottenuti. Sono regimi che solo i più ricchi possono permettersi, per il costo di tutte le attrezzature di controllo necessarie. 

Cos’è veramente il digiuno

Il dottor Valter Longo, direttore del Longevity Institute presso la University of Southern California, è una sorte di rock star tra la comunità dei digiunatori. Per lui la parola “digiuno” non significa molto, è assimilabile al concetto di “mangiare”.Ci sono quattro approcci distinti al digiuno, “ognuno coi suoi benefici e limiti”. Il primo è il digiuno a giorni alternati. Il secondo è la dieta 5 : 2 si mangia normalmente cinque giorni, e nei due seguenti si assumono solo 500 calorie. Terzo l’alimentazione a tempo limitato, dove si digiuna tra 12 e 18 ore al giorno, e il cibo viene consumato solo in un breve periodo. Infine c’è il Mimicking Diet ™, (Dieta mimata) che è un’idea di Longo. Una dieta ipocalorica a cui segue una razione di carboidrati e proteine molto specifica, per cinque giorni al mese. Da ripetere alcune volte l’anno.  

225 dollari ad applicazione

Questo tipo di dieta costa $ 225 ad ogni applicazione. Secondo il sito web, “fornisce micro e macro-nutrienti scientificamente ricercati. In quantità e combinazioni precise che ti nutrono, ma non sono riconosciute come cibo dal tuo corpo e quindi imitano uno stato di digiuno!” Basta ingannare il corpo ed il digiuno è fatto

Un “reset” del corpo

Longo crede che il digiuno, possa essere molto utile. Lo paragona a una modalità di “reset” del corpo, che aiuta ad eliminare le cellule danneggiate e sostituirle con quelle appena rigenerate. Afferma che vari studi hanno dimostrato che “il digiuno è buono quanto la chemioterapia” nel trattamento del cancro. Vi sono prove che può aiutare anche con la longevitàabbassando i marcatori di invecchiamento come il colesterolo e la pressione sanguigna.

 Molti anche gli effetti negativi

Alcuni studi mostrano che digiunare può avere effetti negativi. Longo sottolinea che è sempre importante mettere la sicurezza al primo posto e mettere in guardia dagli estremismi. Ad esempio, “Non c’è molto dubbio che il digiuno di 12 ore al giorno sia sicuro, ma le cose diventano un po’   più complicate quando si digiuna 18 ore“. Studi clinici hanno dimostrato che questo tipo di digiuno prolungato può avere effetti positivi sul metabolismo. Ma anche un numero di risultati negativi, come un aumento dei calcoli biliari

Digiuni estremi sconsigliati

Longo sconsiglia in modo inequivocabile il tipo di digiuni estremi di tre giorni. Come quello praticato da Dorsey . Proprio il tipo di digiuno che sembra particolarmente popolare nella Silicon Valley. “Non siamo più uomini delle caverne non siamo attrezzati per fare diete di digiuno estremo solo ad acqua. La pressione sanguigna può abbassarsi troppo. È roba molto pericolosa ” 

Hacking sul tuo corpo

Geoffrey Woo, il trentenne CEO di HVMN , una società di “human enhancement”, è un entusiasta sostenitore del biohacking . Per lui il digiuno è una forma di auto-miglioramento. “Penso al consumo di energie come un input nel sistema digestivo, per sopravvivere e ottimizzare i risultati delle prestazioni“. “Il digiuno è una pausa riflessiva del consumo di qualsiasi cosa, eccetto l’acqua. Una mancanza di input è anch’esso un segnale. ” 

digiuno-estremo

Digiuni di 60 ore per iniziare

Woo ed i suoi colleghi hanno iniziato facendo digiuni di 60 ore e misurando gli effetti di questi sul loro corpo nei minimi dettagli. “Quando faccio esperimenti aggressivi, ho un impianto che traccia il glucosio continuamente per un paio di settimane“, dice Woo, e “posso controllare i valori  trimestrali del sangue per cose come lipidi e proteine“. 

Una routine regolare

Dopo aver sperimentato il digiuno per un po’, Woo ora ha una routine regolare. Fa un digiuno di 18 ore al giorno e ne fa uno di 24 o 36 ore uno a due giorni alla settimana. “So che può sembrare un comportamento robotico e complicato ma anche mangiare tre pasti al giorno potrebbe essere complicato se non si è abituati“.  Potrebbe essere rischioso a lungo andare ma c’è un elemento di rischio con qualsiasi comportamento.  Anche la dieta occidentale presenta rischi. C’è un elemento di rischio anche con l’attuale dieta occidentale, che “dovrebbe essere considerato un modo disordinato di nutrirsi“.  Un terzo degli americani sono diabetici o pre-diabetici e ci sono alti tassi di obesità. “Questi sono i dati più interessanti su ciò che è disordinato o meno.”

Tante macchine per controllare il metabolismo

Justin Rezvani, un imprenditore tecnologico trentenne di Los Angeles, ha opinioni simili. Ha iniziato a digiunare un anno fa. Aveva appena venduto la sua attività sui social media per un sacco di soldi, ma era sovrappeso e infelice della sua vita. Come Woo, ha adottato un approccio sistematico per cambiare. Ogni settimana fa un “protocollo di digiuno di cinque giorni solo ad acqua“. Usa una grande varietà di macchine, incluso un impianto di tracciamento del glucosio, per misurare i suoi marcatori metabolici. Ha perso 25 chili grazie al digiuno e crede di aver migliorato ogni aspetto della sua vita. 

Dove comincia l’anoressia

Tiffany Brown, del l’UC San Diego Eating Disorders Center dice che può essere difficile fare generalizzazioni. Complicato capire quando i comportamenti da digiuno e autocontrollo iniziano a superare una linea e diventare un problema. Anche se i digiuni potrebbero funzionare per alcuni individui, è preoccupante l’atteggiamento con cui vengono trattati. Definiti come una “tendenza di moda” e inquadrati in una luce largamente positiva. 

Il problema non è riconosciuto nei maschi

Non tutti descrivono il digiuno estremo in stile Silicon Valley come una forma di anoressia. Questo esprime anche le dinamiche di genere intorno al cibo e ai disordini alimentari. L’anoressia è ancora molto legata alle donne. Brown osserva che “C’è ancora difficoltà a riconoscere un comportamento simile negli uomini come problematico“. Con la National Association for Males with Eating Disorders ha incontrato un certo numero di uomini con disordini. Hanno detto che i loro amici, la famiglia e persino i medici, non hanno riconosciuto il loro comportamento anche quando sembravano fisicamente malnutriti.

 Anche le donne digiunano

Il 62% degli uomini e il 60% delle donne dichiara di aver digiunato. Tuttavia, i sostenitori più accaniti del movimento del digiuno sembrano essere uomini. La Silicon Valley ha anche sviluppato un vocabolario pseudo-intellettuale che la allontana dalla connotazione “femminile” della dieta. I tipi tecnologici non si nutrono, ma sono impegnati in “protocolli di digiuno“. Non contano le caloriequantificano una gamma di marcatori metabolici con costose attrezzature scientifiche. Non perdono peso, ma “ottimizzano” il corpo.  

Obiettivo nuove prestazioni fisico-mentali

Piuttosto che concentrarsi sulla perdita di peso come obiettivo, sembrano più propensi a parlare di migliorare le loro prestazioni fisiche e mentali. Ridurre drasticamente le calorie alla ricerca di una chiarezza mentale non è più sicuro del digiuno alla ricerca di un più piccolo girovita. Puoi dare un altro nome al mangiare disordinato, ma i pericoli restano.

Summary
Digiuno estremo: la nuova ossessione americana
Article Name
Digiuno estremo: la nuova ossessione americana
Description
Il digiuno estremo è una moda alimentare diffusa tra i tecnologi della Silicon Valley interpretato come una ottimizzazione del proprio corpo e non un disturbo
Author
Publisher Name
Oficina
Publisher Logo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *
Il commento sarà pubblicato solo dopo l'approvazione da parte del nostro staff.