Eventi

Chi controllerà l’Intelligenza Artificiale?

chi controllerà l'intelligenza artificiale

C’è un’etica anche nell’Intelligenza Artificiale? È una domanda assolutamente lecita poiché sta entrando sempre più a fare parte della nostra vita quotidiana.

Il timore più diffuso nei confronti dell’Intelligenza Artificiale è quello del riusciremo a controllarla? Sapremo porle dei limiti? Le tre leggi di Asimov saranno alla base del nostro rapporto o verranno aggirate? Se fosse messa in grado di compiere un reato, avremmo gli strumenti per punirla o disattivarla? Qualcuno ritiene che con l’attuale definizione di I.A. potremmo inglobare tutti gli attuali software che attivano i nostri devices. La nebulosità del concetto non aiuta a trovare soluzioni. Chi controlla l’Intelligenza Artificiale (A.I)?

banner dal Marcante 1758

Un impatto evidente

L’utilizzo del termine Intelligenza Artificiale è quasi indiscriminato. Le aziende se ne sono appropriate perché basta aggiungere alle descrizioni dei prodotti e servizi un I.A. per diventare interessanti. Le vendite e i contatti coi clienti aumentano, anche se in molti casi non si tratta di vera I.A. I tecnici individuano tre livelli che non sono affatto simili. La Intelligenza Artificiale Normale (IAN) che riesce a fare una sola cosa. La fa benissimo, ma solo quella e non evolve. L’Intelligenza Artificiale Generale (IAG) può fare tutto ciò che noi umani sappiamo fare. Impara col ragionamento, ha la capacità di essere creativo, riesce a pianificare e apprende dai suoi errori. La Super Intelligenza Artificiale (SIA) è molto superiore a noi ad ogni livello. Esula dal nostro controllo perché è in grado di formulare pensieri e progetti a noi sconosciuti.

Agraria Riva del Garda
Chi controllerà l’Intelligenza Artificiale

La Super Intelligenza Artificiale non esiste

Ancora non c’è. Alcuni esperti ritengono che non la raggiungeremo mai. Altri sono più cauti e ritengono che la curva di crescita sia tale da abbreviare i tempi necessari per la sua crescita. Qualcuno ritiene che il controllo resterà sempre nelle nostre mani, altri immaginano che la SIA possa intraprendere un suo percorso. Che potrebbe prevedere anche l’eliminazione del più grosso problema per la sopravvivenza del pianeta: gli umani. Il percorso che in ogni caso sarà ancora molto lungo, lascia immaginare che con quella potenza di elaborazione del pensiero potrebbe diventare molto più intelligente di tutta l’umanità in poche ore.

Se anche arrivasse

Qualche esperto cerca di smontare la teoria dell’arrivo del SIA che molti esperti indicano come possibile entro il 2040. Immaginano che per raggiungere il livello necessario, incontrerebbe problemi sempre più difficili che ne limiterebbero la crescita. Coloro che sono impegnati nello sviluppo della I.A. ritengono che sarà possibile introdurre un’etica che produca vincoli. Ogni input verrebbe analizzato in chiave etica prima di essere utilizzato. Il ragionamento verrebbe sempre salvaguardato rispetto all’azione, per evitare che l’azione possa rivelarsi dannosa per gli uomini.

Chi controllerà l’Intelligenza Artificiale

Se l’etica non ci dà ragione

Se la SIA raggiungesse il suo top potrebbe scegliere azioni che sono etiche ma che noi umani non avremmo preso. Alcune potrebbero essere avverse al nostro modo di pensare e vivere, ma non potremmo fermarle o cambiarle. Sorge anche un problema che non fa dormire sonni tranquilli agli esperti. Molte delle strutture che studiano l’evoluzione di SIA hanno contatti con le strutture militari e coi governi che le sostengono. Se fosse possibile forzare alcuni dei principi etici a favore di qualcuno, le conseguenze potrebbero essere orribili. State pensando anche voi a cosa accadrebbe se gli input potesse immetterli Trump o Putin o Xi?

Chi potrebbe punire la SIA?

Chi avrebbe la capacità di punire la SIA se si comportasse male o commettesse un reato? Quale potrebbe essere la punizione a cui condannarla? Segregazione, dolore, privazione delle libertà personali, sono cose che funzionano per noi, ma per una macchina? Pare impossibile trovare il modo per punirla. Per questo serve un lavoro preventivo, immettere per primi gli input etici e renderli non modificabili. Un filtro etico potrebbe bloccare in anticipo ogni tentativo di forzare gli algoritmi che comandano la SIA. Conviene ricorrere alla sapienza di qualche filosofo, da integrare nei progetti dei programmatori, per non doversi mangiare le mani più tardi. Chi controlla l’Intelligenza Artificiale (A.I)?

Summary
Chi controllerà l’Intelligenza Artificiale
Article Name
Chi controllerà l’Intelligenza Artificiale
Description
Chi controllerà l’intelligenza artificiale (A.I)? come riusciremo a punirla se commetterà un reato? serve un'etica che impedisca azioni pericolose
Publisher Name
Oficina
Publisher Logo

Lascia un commento