Benessere, Enogastronomia, Eventi

Alberghi e ristoranti a rischio collasso per il coronavirus

In piena crisi da Coronavirus, l’economia soffre tantissimo, le conseguenze peggiori nelle strutture turistiche

Stanno arrivando pessime notizie, non per i contagi ma per il panico che è stato gonfiato in modo tremendo. Le strutture che si occupano di turismo, ospitalità e ristorazione cominciano già a provare affanno. La situazione non sembra risolvibile col classico colpo di bacchetta magica, anzi. Piovono disdette e alcuni stati giocano a far aumentare il panico, sconsigliando viaggi nel bel paese. Alcuni stanno limitando la permeabilità alle frontiere senza una preventiva quarantena, recente è il caso degli italiani respinti alle Mauritius. Alberghi e ristoranti a rischio collasso per il coronavirus

Enogastronomia, Eventi

Una birreria solo analcolica a Londra.

Si chiama BrewDog la birreria scozzese che ha aperto a inizio anno nella capitale dei pub

Il gusto è la variabile che fa arricciare il naso a tutti i consumatori di birra quando si parla di analcoliche. La Brewdog ha deciso che fosse tempo di far ricredere gli amanti della birra con un prodotto che potesse soddisfare tutti. Estimatori o consumatori saltuari, e l’ha fatto nella città che ospita più pub e birrerie al mondo, un luogo simbolico: Londra. Se volete visitarla l’indirizzo è in Old Street e preparatevi a una sorpresa. Una birreria solo analcolica a Londra.

Benessere, Enogastronomia

Spariranno le vacche?

Prevedono che in un decennio le mucche presenti caleranno di almeno il 50%

La carne bovina sembra destinata a diventare un alimento per pochi. Dopo essere stata alla base della cultura del fast food, dell’hamburger e della carne macinata, rischia di diventare di nicchia. La carne-non-carne potrebbe sostituirla in modo decisivo, man mano che la produzione diventerà sempre più massiccia ed i prezzi caleranno. Spariranno le vacche?

Benessere, Enogastronomia

Macchine impollinatrici per sostituire le api

Credits: Edete

Gli agricoltori potranno usare robot per impollinare le piante

Le api sono sempre più in difficoltà, quelle selvatiche sono ormai nell’elenco dei quelle in estinzione. Le domestiche sono in fortissimo calo per l’utilizzo dei troppi pesticidi e diserbanti. Il glifosato uno dei prodotti più controversi e pericolosi, è presente in quasi tutte le api che sono state controllate. Le api domestiche vengono sballottate in luoghi diversi per aiutare l’impollinazione ma il loro contributo è destinato a scendere. Macchine impollinatrici per sostituire le api

Abitare, Benessere, Enogastronomia

Imballaggi riusabili con Loop piacciono sempre più.

Un interessante servizio di ritiro e riconsegna dei contenitori di prodotti di celebri brand si sta espandendo

Loop è nata solo un anno fa ed è già un fenomeno di tendenza. Ha coinvolto molti dei più celebri brand e li ha convinti ad usare confezioni refillabili e riusabili. Se volete è un servizio che utilizza una formula del passato, quando il latte veniva consegnato alla porta. Si pagava una cauzione per le bottiglie utilizzate ed ogni giorno si aveva il prodotto fresco a disposizione. Ora il servizio per consegnarvi le lattine e le bottiglie del caffè, del gelato o dell’ammorbidente lo effettuano i corrieri, ma la formula è la stessa. Imballaggi riusabili con Loop piacciono sempre più.

Benessere, Enogastronomia

La micro patata dei pellerossa verrà coltivata ancora

Scoperta in Utah la più antica patata consumata in America e forse al mondo.

Si chiama Solanum jamesii è una patata grande come una piccola novella, dalla buccia marrone con picchiettature crema. L’hanno scoperta i ricercatori in una pentola di coccio trovata in Utah. I residui sono datati ad 11.000 anni fa, questo sconvolge un po’ la storia della patata che si pensava fosse originaria del Perù. I ritrovamenti dei tuberi nelle Ande sono datati a 7 e 8.000 anni fa tra Perù e Bolivia. Però la patata è difficile da repertare da parte degli archeologi. S’immagina che la coltivazione della Toberosum risalga a 10.000 anni fa. Un millennio successivo a quello della Jamesii. La micro patata dei pellerosse verrà coltivata ancora

Benessere, Enogastronomia

Bere tè aiuta ad allungare la vita?

Quanto influenza la nostra vita bere tè almeno tre volte a settimana

Il è ritenuto in oriente una sorta di elisir di lunga vita. Uno studio sembra confermarlo, e consiglia i tipi di tè da consumare. Nello specifico è soltanto il tè verde ad avere un effetto notevole sulla nostra salute. I ricercatori dell’Accademia scientifica di Pechino hanno cercato anche di misurare questo allungamento della vita. I benefici sarebbero quantificabili in un anno, soprattutto per la popolazione maschile. Bere tè aiuta ad allungare la vita?

Enogastronomia, Eventi

Premio letterario legato all’olivo

Arriva alla quarta edizione il premio letterario Ranieri Filo della Torre

Un premio veramente unico nel genere, dedicato alla valorizzazione dell’olivo e dell’olio. La premiazione si terrà alle 10,00 a Roma, il 21 febbraio presso l’Auditorium “Giuseppe Avolio” di CIA-Agricoltori Italiani, in via Fortuny,20. Sarà l’evento conclusivo dell’iniziativa che intende premiare un personaggio che si è distinto per l’olivicoltura italiana. Passione e competenza costituiscono i valori e i legami tra cultura ed amore per la terra, presi in considerazione. Premio letterario legato all’olivo

Enogastronomia, Eventi

L’Oceano Pacifico troppo acido scioglie i gusci dei granchi

Un fenomeno sconosciuto finora che potrebbe cambiare molti dei passaggi della catena alimentare marina.

Alcune zone del Pacifico stanno riscontrando un forte aumento dell’acidità. Un evento che ha un riscontro visivo immediato e molto preoccupante, i giovani granchi non riescono più a formare i loro gusci. Anche le vongole, le ostriche e i coralli sono in grave difficoltà. La causa è l’eccesso di anidride carbonica nell’atmosfera che viene disciolta negli oceani. L’Oceano Pacifico la sta assorbendo e il PH si sta abbassando. La modificazione coinvolge anche le coste, con una accentuata salinità e una selezione delle alghe che riescono a sopravvivere in quelle condizioni. L’Oceano Pacifico troppo acido scioglie i gusci dei granchi

Enogastronomia

Export agroalimentare rischiamo il crac?

Un 2020 veramente preoccupante per il settore agroalimentare italiano

Il falso made in italy conquista sempre più quote di mercato arrivando a coprire quasi il 70% del totale. L’italian sounding scorrazza su tutte le tavole con punte veramente gravi sui prodotti di punta come il Parmigiano-Reggiano, il Pecorino e i salumi. Perdiamo quote per le politiche sovraniste e protezioniste dell’amministrazione americana che applica dazi capestro. Il percorso non è ancora completo e possiamo aspettarci ulteriori guai da Trump & Co, con ulteriori dazi. A tutto questo si aggiunge l’enorme difficoltà dei trasporti legati al coronavirus. Export agroalimentare rischiamo il crac?