Benessere, Enogastronomia

Gli inglesi hanno creato il mito del tè

Ma non si deve a loro la diffusione della bionda bevanda, i primi europei a sorbirla furono i portoghesi

Le croccanti foglioline secche erano note in tutta l’Asia da millenni, ritenute da sempre una prelibatezza e una sorta di elisir di lunga vita. Solo verso il 1500 i commercianti portoghesi hanno iniziato ad importarlo ma è rimasto confinato nelle stanze di pochi “illuminati” lusitani. Non ha avuto modo di diffondersi, per la mancanza un buon marketing. Ad importarlo e distribuirlo in tutta Europa ci hanno pensato gli olandesi. Da abili commercianti hanno fiutato l’affare e ne hanno fatto un must. Gli inglesi hanno creato il mito del tè

Benessere, Enogastronomia

Un vigneto curato dalle anatre in Sudafrica

Eliminare gli insetti, le lumache e le erbacce non è mai stato così facile. Basta lasciare libere tante anatre affamate

Le anatre sono state alla ribalta recentemente perché su di loro si basava la speranza di eliminare le cavallette che hanno invaso il Pakistan. Tutto nato da un’esperienza sviluppata in Cina, però in un ambiente umido, dove le anatre erano a loro agio. In Pakistan quell’ambiente era improponibile, perciò l’esperimento è abortito ancor prima di cominciare. Ma le anatre sono utili anche in altri ambiti. Un vigneto curato dalle anatre in Sudafrica

Enogastronomia

Food influencer a spasso o quasi

Il Lockdown che ha costretto alla chiusura temporanea tutti i ristoranti ha mandato in crisi anche chi ha utilizzato le loro risorse

Gli influencer che hanno “banchettato” sulle informazioni, sui menu, sui piatti, sull’inventiva degli chef ora non sanno di cosa parlare. Per salvare la loro professionalità hanno inventato un hashtag  #iostocoiristoratori che si occupa di sostenere moralmente chi nella ristorazione ha investito tutto se stesso. A riunirli un web provider Virality che in questi tempi grami offre i propri servizi per il rilancio delle attività. Food influencer a spasso o quasi

Benessere, Enogastronomia

Differenze di genere tra vegani e carnivori?

Gli uomini tendono a mangiare molta più carne e la associano alla virilità

Sarà un ricordo ancestrale ma in qualsiasi cultura e popolo, gli uomini sono gli addetti alla caccia. Infatti il rapporto uomini-donne, tra i procacciatori di proteine animali, nelle culture che cacciano per sopravvivere, è 10 a 1. Questo imprinting si conferma anche a tavola. Sono, infatti molti di più gli uomini a consumare carne rispetto alle donne. Anche dove si uccidono animali solo per sport, la prevalenza maschile è enorme. Proprio per questa qualifica di cacciatore, i maschi ritengono che portare carne in tavola sia un simbolo di virilità. I dati confermano questo aspetto, solo il 30% degli uomini è disposto a cambiare le sue abitudini alimentari e passare al veganesimo, perché lo ritiene sminuente. Differenze di genere tra vegani e carnivori

Benessere, Enogastronomia

Dagli scarti della frutta questo sostituto dello zucchero

Uno zucchero etico e che partecipa all’economia circolare

Le mele e le pere che non sono abbastanza belle per essere vendute nei reparti frutta diventano un ottimo dolcificante a zero calorie. Il dolcificante viene dall’Olanda e incontra due grandi esigenze: un dolcificante di qualità e la riduzione dello spreco alimentare. Le mele e le pere che non raggiungono gli standard commerciali vengono di solito trasformate in succhi di frutta o diventano compost. Ora però esiste un modo più interessante di sfruttare la frutta del terzo settore, dando vita ad un dolcificante molto efficace. Non usa sostanze chimiche, non ha retrogusti, i suoi resti non inquinano e non aggiunge calorie. Dagli scarti della frutta questo sostituto dello zucchero

Abitare, Benessere, Enogastronomia

La spesa online, una pia illusione

Tutti coloro che hanno pensato di poter soddisfare le esigenze familiari durante la quarantena con l’e-commerce sono rimasti perplessi

Molti clienti sono delusi, il servizio non è sufficiente e non riesce a soddisfare le richieste. Manca il personale che possa ricevere gli ordini, prepararli e soprattutto consegnarli. Non ci sono finestre o slot liberi per parecchi giorni. Chi aveva immaginato di acquistare prodotti freschi come frutta e verdura, ha dovuto rapidamente cambiare opinione e obiettivo. Invece di favorire le persone in quarantena ha fatto aumentare le ansie. La spesa online, una pia illusione

Enogastronomia

Rubate anche voi un segreto agli chef

Come riescono a rendere appetitose anche le verdure più insignificanti nei ristoranti, mentre voi invece non riuscite a ottenere gli stessi sapori?

È curioso scoprire che uno dei segreti di tua nonna venga svelato, ma non dalle solite pettegole. A farlo sono i ricettari dei migliori chef.  Mia nonna ha fatto del non gettare mai nulla del cibo, la sua religione. Quindi di un prodotto eccellente ma costoso, come il parmigiano reggiano, nemmeno la più piccola briciola veniva sprecata. Anche le croste, dopo aver dato il meglio di sé facendosi derubare del loro contenuto, venivano utilizzate. Davano un sapore eccellente a brodo, risotti, minestroni. Venivano cotte fino ad ammorbidirle o scioglierle, garantivano anche ai più insipidi vegetali, uno squillo di piacevolezza. Rubate anche voi un segreto agli chef

Benessere, Enogastronomia

Bevande sane in etichetta ma in realtà superzuccherate

Ci sono definizioni degli alimenti e delle bevande che creano confusione nei consumatori e disinformazione.

Sono molte le bevande in vendita con una denominazione accattivante ed un adesivo “sano” o “salutare” che non avrebbero diritto a nessuno di quegli aggettivi. Contengono molto zucchero e sono nocive per molti di noi. I medici sono preoccupati e additano questi soft drink come causa di malattie cardiache, diabete di tipo 2 ed obesità. Bottigliette di presuntamente “innocuo” tè freddo, in realtà contengono una quantità di zucchero aggiunto che è spesso superiore a quello che è il limite giornaliero consigliato. Bevande sane in etichetta ma in realtà superzuccherate

Benessere, Enogastronomia

Buon cibo il comfort food è elisir di felicità

Niente come il cibo più gradito aiuta a costruire un atteggiamento positivo

Fatevi un regalo, se potete sospendete in questi giorni i regimi troppo restrittivi. Evitate di mettervi in posizioni che sono psicologicamente poco vantaggiose. Lo dicono gli psicologi che ci dobbiamo gratificare per superare meglio questo periodo di quarantena. Sia che siate bloccati a casa o che dobbiate ritornarci appena possibile, è giunto il momento di mettere in pratica il ricettario di nonne e bisnonne. Buon cibo il comfort food è elisir di felicità

Benessere, Enogastronomia

Animali selvatici al bando in Cina

Una nuova legge mette fuori commercio gli animali selvatici, anche se suona come chiudere la stalla dopo che i buoi sono fuggiti

Ci volevano tutti i disagi potati dal coronavirus per mutare le abitudini alimentari cinesi. Un gesto molto etico e intelligente per la salvaguardia di molte specie in pericolo. Ma aspettate a gioire, se il divieto salverà molti cani e gatti destinati a finire in pentola non sarà esteso a tutti i tipi di utilizzo della fauna selvatica.Gli animalisti prima di esultare è bene che spulcino cosa nasconde questa legge. Se è proibito cibarsene e farne commercio per la cucina, tutte le altre attività non sono proibite. Animali selvatici al bando in Cina