Benessere, Eventi

La mania delle scarpe rovina piedi

Viene da lontano il desiderio di seguire le mode anche se possono rivelarsi pericolose e dolorose

Beltà per te, cosa non si fa. Questo potrebbe riassumere il desiderio di molti e molte di apparire sempre alla moda, infischiandosene delle conseguenze. C’è voluto uno studio sui resti di alcuni cimiteri per comprendere che in epoca medievale questo bisogno d’apparire poteva portare grandi danni. Le calzature a punta erano ritenute un segno di distinzione. Le classi agiate non potevano fare a meno di queste scarpe super-appuntite. La mania delle scarpe rovina piedi

Benessere, Eventi

Plastica ecologica di origine insolita

Il DNA di sperma dei salmoni usato per realizzare una plastica ecologica che abbatte le emissioni di carbonio


Risparmia il 97% di emissioni di carbonio la nuova plastica realizzata dagli scienziati cinesi. Un’alternativa interessante anche se il materiale da cui deriva sembra assai inusuale. Alla base del loro processo c’è, infatti, lo sperma dei salmoni e l’olio vegetale. La combinazione di due filamenti del DNA contenuto nello sperma dei salmoni con olio vegetale produce una sorta di plastica. Plastica ecologica di origine insolita

Benessere, Enogastronomia

Evitare di sentirsi gonfi come palloni dopo le feste

Le Feste natalizie sono spesso dedicate ad alcuni eccessi alimentari che si possono calmierare

É tremendamente facile esagerare durante le Feste, tra Vigilie, Pranzi e Cenoni, sembra impossibile non indulgere in qualche eccesso. I manicaretti di mamme nonne zie e chef improvvisati, elevano enormemente l’apporto di grassi e zuccheri. Chi può resistere a quella pietanza attesa per un anno, e che rientra in pieno nelle abitudini familiari? L’unico modo sarebbe fuggire di casa, ma si rischia l’eterno ostracismo delle persone che ci amano di più. Sopravvivere salvando il proprio corpo diventa un’esigenza vitale. Evitare di sentirsi gonfi come palloni dopo le feste

Abitare, Benessere

La Grande Isola di Plastica ospita piante ed animali

Il Great Pacific Garbage Patch sta diventando un rifugio per animali e piante che popolano questo finto continente

É una sorta di continente fluttuante la grande isola di spazzatura galleggiante che naviga nel mezzo dell’Oceano Pacifico. Viene regolarmente rifornita di altra plastica che viene abbandonata o gettata e arriva al mare. Gli scienziati studiano diversi modi per eliminarla, ma ha oramai raggiunto dimensioni che fanno ritenere l’operazione impossibile. Mentre cercano soluzioni possibili hanno cominciato a studiarla per altri aspetti. Quest’isola ospita vita. La Grande Isola di Plastica ospita piante ed animali

Abitare, Benessere

Una super-pelle creata grazie ai funghi

Fine Mycelium è uno dei materiali più richiesti dai creatori di moda ed è sostenibile.

Sembra proprio pelle anche al tatto questo tessuto di origine vegetale. Oltre ad avere un aspetto estetico formidabile, ha prestazioni superiori anche alla pelle di origine animale. Ha maggiore durata, ha qualità e duttilità che la rendono molto gradita ai creatori di moda. Al momento è ritenuto un tessuto di lusso e pare destinato solo a capi di alto prezzo, destinati a durare nel tempo. É ecologico, vegano, deriva dai funghi e può essere coltivato con precise specifiche per renderlo unico sull’esigenza del design. Una super-pelle creata grazie ai funghi

Abitare, Benessere

I pesci parlano e cantano

Lo hanno scoperto in Indonesia i ricercatori che controllano le barriere coralline

Nel tentativo di ripopolare una grande area costiera che era un tempo ricoperta di coralli, gli scienziati hanno fatto bizzarre scoperte. Le scogliere erano state distrutte dalla pesca con la dinamite, I coralli erano morti ed erano sbiancati al punto che sembrava impossibile ricreare quell’habitat. Era venuta a mancare anche la nursery in cui molti pesci facevano crescere la loro prole, e in cui si rifugiavano tartarughe, cavallucci marini, spugne e molte specie ittiche. I pesci parlano e cantano

Abitare, Benessere, Eventi

Il futuro osservato dai monti

Sabato 11 dicembre FBK e il Trento Film Festival celebrano insieme la Giornata internazionale della montagna 2021.

L’11 dicembre, in occasione della Giornata internazionale della montagna 2021, il Centro per le Scienze Religiose di FBK e il Trento Film Festival organizzano una serie di eventi. Sono dedicati ai grandi temi che la pandemia di Covid-19 ha portato al centro della discussione pubblica anche nelle terre alte. Fragilità, resilienza, solitudine, folla, libertà, salute, conflitti tra le generazioni, cura dell’ambiente. Il futuro osservato dai monti

Abitare, Benessere

Donne resilienti in montagna salvano la loro unicità

Si deve soprattutto alle donne se alcune tradizioni alla base della cultura montana sono salve

É ciò che hanno dibattuto alcuni giorni fa nel Castello del Buonconsiglio a Trento in un convegno dedicato alle minoranze. Se ancora si può parlare di radici cimbre, ladine o mòchene è proprio per il grande lavoro svolto dalle donne di montagna. Sono loro che hanno svolto un’opera fondamentale negli anni. Donne resilienti in montagna salvano la loro unicità

Abitare, Benessere

La foresta sonora rinasce in Val di Fiemme

Val di Fiemme ricostruisce la foresta tanto amata da tutti i liutai del mondo.

Soroptimist International d’Italia(SII), la società di sorellanza nata in California per salvare le sequoie, salverà anche la foresta che suona. Gli alberi abbattuti dalla tempesta VAIA in Val di Fiemme verranno rimessi a dimora. Sono 5.300 alberi (uno simbolicamente per ogni socia dei 161 Club Soroptimist italiani) tra conifere e latifoglie. Tutti questi alberelli sono nati e cresciuti da semi autoctoni, selezionati nei vivai della Magnifica Comunità di Fiemme. Il bosco verrà così ripopolato e ricostituito fino a ritrovare la sua completa bellezza e sonorità particolare. La foresta sonora rinasce in Val di Fiemme

Abitare, Benessere

Il vostro gatto non v’ignora vi ha già mappato

La sufficienza con cui i gatti ci trattano è data dalla loro abilità d’individuarci anche in altri ambienti

I gatti non ci vedono, ma dai nostri rumori sanno dove siamo e quindi non si preoccupano di farcelo notare. Riescono grazie alla mobilità delle orecchie a formare una sorta di mappa degli “ingombri” Una cosa che gli è utile per muoversi anche al buio. Non posseggono un radar come i pipistrelli ma le funzioni del loro cervello sono simili. Individuano in quale punto della casa siamo e continuano a fare ciò che li coinvolge maggiormente, spesso fare un altro pisolo. Il vostro gatto non v’ignora vi ha già mappato