Enogastronomia, Eventi

Capodanno i riti da non mancare

spumante capodanno

Per festeggiarlo con tanta fortuna

La tradizione vuole che si chiuda l’anno invocando la buona sorte e cancellando tutte le negatività del precedente. Ogni paese lo fa con mille varianti l’Italia non fa eccezione. Ci sono  molti riti da non mancare a Capodanno. A Capodanno in Francia gli adulti si scambiano i doni, mentre i bambini li hanno a Natale Propiziarsi un buon inizio è sicuramente positivo, quindi il classico augurio “salute, soldi e tempo per spenderli” resta sempre valido.

banner dal Marcante 1758

zampone lenti capodanno

Tavole ricche

Salute intesa come abbondanza quindi una tavola ricca, piena di cose buone dove non possono mancare zamponi e lenticchie. L’insaccato di maiale rimanda proprio all’abbondanza delle carni grasse e nutrienti. Nei tempi in cui la fame era il primo nemico da sconfiggere, un piatto ricco era il miglior augurio possibile. Le lenticchie con la loro forma piatta a tonda richiamano le monete, quindi ricchezza. Per il tempo per spenderle nessuno s’è mai lamentato troppo per la scarsa disponibilità.

uva rossa e bianca capodanno

La frutta è un altro simbolo di ricchezza, l’uva porta danaro perciò se ne dovrebbero mangiare dodici chicchi. Uno per ogni rintocco della mezzanotte. Quella bianca, coi suoi chicchi dorati, richiama l’oro delle monete, ed è la più ambita. Anche il melograno dai mille chicchi rossi, racchiusi in un guscio forte, è simbolo di abbondanza. Già simbolo di fertilità nelle culture mediterranee, beneagurante per i raccolti e per le gravidanze. Si è diffuso in tutti i paesi come frutto da aprire e consumare a Capodanno. Anche la frutta secca con i gusci duri da spaccare sta a simboleggiare l’energia necessaria per ottenere i risultati. Per raggiungere gli obiettivi si deve rompere la resistenza esterna per arrivare alla parte buona.

melograno capodanno

Il rosso scaccia i demoni e la malasorte

Tutto ciò che è rosso è propiziatorio e scaccia il malocchio, perciò a tavola, anche se non li consumate, fate trovare dei peperoncini. La loro forma che richiama quella del corno, scaccerà le forze negative. Soprattutto al sud si regala ancora una scatolina con i tre elementi principali portafortuna.  Una moneta, un pizzico di sale grosso, un poco di paglia (denaro, cibo, calore). Le varianti sono diverse al posto del sale spesso c’è un peperoncino, come cibo e scaccia malocchio, mentre la paglia è sostituita da un pezzetto di carbonella. Quello che non manca mai è la moneta.

monete capodanno

Si dovrebbe indossare qualcosa di rosso, molti ricorrono all’intimo, ma è perfetto qualsiasi capo d’abbigliamento. Per richiamare la buona sorte si dovrebbe indossare anche qualcosa di vecchio e qualcosa ricevuto in dono. Per tutte quelle che non stanno bene col vermiglio, valgono anche le unghie laccate di rosso.

unghie laccate rosse capodanno

Fuochi falò e botti

Per eliminare tutti i malanni e le cose negative si usa fare fuochi che brucino ciò che è vecchio. Un tempo si bruciavano anche i vecchi mobili, in cui erano intrappolati gli spiriti maligni. Si gettavano le cose rotte, i piatti sbeccati e qualunque cosa facesse molto rumore. Il suono forte serviva per scacciare la negatività e fare spazio a un nuovo anno pieno di felicità. Sono retaggio di riti pagani legati all’agricoltura, riti di purificazione in grado di favorire i raccolti. Erano i riti da non mancare a Capodanno per una buona annata.

falò capodanno

Alla tradizione dei falò è seguita quella dei botti che dovrebbero svolgere lo stesso compito. Colpire ed uccidere il maligno facendolo fuggire. Spesso si esagera e i botti si trasformano in guerriglia urbana o sono usati come testimonianza di potere economico. A soffrirne in modo particolare sono gli animali domestici, sgomentati dagli eccessi di rumore. Se potete, metteteli al riparo in una stanza isolata e protetta.

botti capodanno

Qualcosa di scaramantico

Se volete che gli spiriti maligni lascino la vostra casa, appena prima di mezzanotte aprite una finestra in una stanza buia. Subito dono apritene una in una stanza illuminata. Creerete così una corrente che trascinerà fuori i cattivi spiriti. Andate a richiudere quella della stanza buia e subito dopo chiudete quella della stanza illuminata, così intrappolerete gli spiriti buoni all’interno.

monete cioccolato

Le monete dorate, anche quelle di cioccolato dell’Albero di Natale, dovrete appenderle sul lato interno della porta di casa. Questo porterà fortuna e denaro. Brindate, alzate i calici, se li fate tintinnare guardate intensamente negli occhi chi brinda con voi. I bicchieri dovrebbero essere gettati nel camino acceso o più semplicemente a terra. I bicchieri spezzati scacciano i guai. Ovviamente vi sconsiglio di distruggere il servizio buono, basterà gettarne simbolicamente uno a terra.

peperoncino capodanno

Cosa fare tutto l’anno

Ciò che si fa a Capodanno si farà tutto l’anno, tra i riti da non mancare ci sono quelli personali, legati al proprio corpo. Mangiare, bere, andare in bagno, ma anche la sessualità sono i più gettonati. Sconsigliati tutti i lavori pesanti che potrebbero logorarvi. Spostare mobili, stirare, spaccare legna sono da evitare. Datevi da fare con quello che vi interessa maggiormente, per poterlo ripetere ogni giorno.

brindisi capodanno