Abitare, Benessere, Enogastronomia

Cannabis l’origine potrebbe essere cinese

Cannabis l’origine potrebbe essere cinese

Analizzando i ceppi più antichi di marijuana i ricercatori sono risaliti all’area originale, quella dell’Asia orientale, l’attuale Cina.

Un rapporto sempre travagliato quello della canapa sativa ed umani. Da erbaccia da estirpare a rimedio della medicina naturale, passando per indispensabile accesso alla comunicazione col divino. Fino alle estremizzazioni di considerarla un’erba diabolica, una rovina per la mente ed il corpo. Demonizzata in molte culture, esaltata in altre. La sua ghettizzazione e liberalizzazione vanta una polarizzazione culturale ed una biblioteca enorme da consultare. Cannabis l’origine potrebbe essere cinese.

banner dal Marcante 1758

Centinaia di varietà

Sono centinaia le varietà che si sono diffuse da quel ceppo iniziale. Gli usi sono aumentati a dismisura, con tantissime variazioni, non sempre legate a momenti ricreativi o sanitari. La canapa vanta una formidabile serie di impieghi come fibra tessile, ma anche come cibo, sia sotto forma di semi che di farine. Si tende spesso a dimenticare questi usi assolutamente legali per ricordare solo quelli legati ad una commercializzazione proibita.

banner dal Marcante 1758

Nuove specie vegetali

Aver rintracciato le piante originarie è utile per tentare di ottenere piante più robuste e più sane. Gli studi non puntano a migliorare o ad aumentare i principi attivi, ma a sviluppare piante migliori. Il business commerciale con tutti gli annessi e connessi, ha sempre relegato gli studi sulla cannabis in un’area tabù. Finora si era ritenuto che fosse l’Asia centrale l’area da cui si era diffusa in tutto il mondo. In quell’area sono molte le piante selvatiche di cannabis che ancora oggi crescono spontaneamente. Ma non è così, infatti i ceppi più antichi risalenti a 12.000 anni fa, sono cinesi.

Cannabis l’origine potrebbe essere cinese

Piante originarie

Le piante originarie sono probabilmente estinte, ma il territorio cinese è vastissimo, qualcuno potrebbe tentare di trovare la pianta zero. Le variazioni dall’originaria è avvenuta in tempi abbastanza recenti, solo 4.000 anni fa. A sorpresa l’area di addomesticamento della cannabis coincide con un’area di grandi evoluzioni culturali ed agricole. In questo luogo sono avvenute alcune delle scoperte e delle invenzioni che hanno portato la Cina ad essere molto evoluta. Le colture agricole hanno dato uno slancio particolare con la coltivazioni di riso, miglio, soia, e l’ibridazione di peschi e albicocchi. Anche la cannabis potrebbe essere stata indotta dall’intervento umano a svilupparsi nel modo attualmente noto. Potrebbe anche, in qualche modo, aver contribuito all’evoluzione umana.

Esiste una terza linea

Gli studiosi aspettavano di incontrare due sole linee vegetali. Una con le piante destinate all’uso tessile ed una destinata alla produzione dei principi attivi dei cannabinoidi. A sorpresa ne hanno trovato un terzo, che non appartiene a nessuno dei precedenti. Questo crea i presupposti per ulteriori studi, tra canapa e marijuana esiste un altro stadio di cui si conosce troppo poco. Lì si concentreranno i nuovi studi che potrebbero portare a sviluppare una specie vegetale antica ma dimenticata o perduta. Una terza via che potrebbe riservare delle sorprese. Cannabis l’origine potrebbe essere cinese.

Cannabis l’origine potrebbe essere cinese

Credits: Pixabay

Summary
Cannabis l’origine potrebbe essere cinese
Article Name
Cannabis l’origine potrebbe essere cinese
Description
Cannabis l’origine potrebbe essere cinese, rintracciata l'area da dove si è diffusa e individuata una terza linea vegetale
Author
Publisher Name
Olab
Publisher Logo

Lascia un commento